Pensioni ultime notizie, Presidente Inps: sì alle uscite anticipate ma con calcolo contributivo


pensioni presidente inps

Pensioni ultime notizie, parla il Presidente Inps che dice sì alle uscite anticipate ma con calcolo contributivo. In un’intervista a Repubblica Pasquale Tridico si è detto assolutamente favorevole alla flessibilità in uscita, che va garantita prima del raggiungimento dei 67 anni di età. Tuttavia ritiene necessario che ci sia un ricalcolo contributivo. Inoltre, dal punto di vista di Tridico, la quota 100 non è un problema e potrebbe anche essere prorogata per un paio d’anni. Di vitale importanza è comunque la creazione di una pensione di garanzia per i giovani, con vuoti contributivi dovuti al precariato. Scopriamo qual è l’idea del Presidente dell’Inps al riguardo e qual è il sistema migliore per l’uscita flessibile.

Pensioni ultime notizie: il Presidente Inps Pasquale Tridico spiega come dovrebbe essere la flessibilità in uscita

Tridico si è sempre detto a favore di un sistema che garantisca maggiore flessibilità in uscita, superando dunque la Legge Fornero. Dunque propone di fissare una linea di età che consenta l’uscita dei lavoratori dal mondo del lavoro, che sarebbe dunque a loro discrezione. C’è un ma perché tale sistema, per funzionare, secondo il Presidente Inps deve essere basato sul calcolo interamente contributivo, che sarà valido per tutti a partire dal 2036. Ma non finiscono qui le idee di Tridico, che torna a parlare della necessità di una pensione di garanzia per i giovani. Quest’ultimi, a causa del precariato, si ritrovano con diversi vuoti contributivi e dunque vanno tutelati. Questo punto è per lui fondamentale, tanto da sperare che le risorse risparmiate con la quota 100 vengano ricollocate in tal senso.

Pensioni quota 100: non sono un problema

Tridico, nel corso della sua intervista a Repubblica, parla anche della quota 100. Sostiene che tale misura, a carattere sperimentale, non crea problemi relativi allo scalone dal 2022. Tuttavia andava invece a risolvere lo scalone creato invece con la riforma del 2011. Il Presidente Inps non è contrario dunque alle pensioni quota 100 e al loro possibile prolungamento. Infatti la platea dei destinatari sta andando a diminuire e molti hanno anche scelto di non avvalersi di tale opzione per motivazioni di carattere personale. Bisogna anche dire che, su 18,6 miliardi di euro stanziati per le pensioni quota 100 per il periodo 2019-2021, ci sono diversi miliardi da poter utilizzare sempre in materia pensionistica. Infatti le pensioni sono state sovrastimate.

Queste sono dunque le idee del Presidente Inps Pasquale Tridico, che ovviamente non ha potere decisionale rispetto a una futura riforma delle pensioni. Sta di fatto che può comunque avanzare delle ipotesi, considerando il ruolo che ricopre.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close