Pensioni anticipate news: possibili opzioni per il 2022

Pensioni anticipate news: possibili opzioni per il 2022

Torniamo ad occuparci di pensioni anticipate e di tutte le possibili opzioni da sfruttare per andarci nel 2022. Tanti sono i cambiamenti che andranno affrontati a partire dalla fine di questo anno quando alcune strade non saranno più percorribili per salutare anzitempo il mondo del lavoro. Tra queste c’è Quota 100 che sparirà con il 31 dicembre 2021 e andrà dunque ufficialmente sostituita in vista del prossimo anno.

Le alternative sul tavolo al momento sono tante ma bisognerà capire quali proposte saranno davvero concretizzabili. E poi c’è il tanto temuto scivolo che consentirebbe di andare in pensione anticipata ma con un evidente taglio sull’assegno. Tanta carne al fuoco, dunque, facciamo il punto della situazione sulle possibili opzioni per andare in pensione anticipata nel 2022.

Pensioni anticipate ultime notizie: Quota 92 e Quota 100

Come dicevano Quota 100 sta per sparire. Non ci sarà più la possibilità, dunque, di andare in pensione a 62 anni di età con 38 di contribuiti. In alternativa sono almeno due le proposte che il Governo dovrà valutare insieme ai sindacati: Quota 92 e Quota 102. Due opzioni che sembrano poter essere concretizzabili per consentire a certe categorie di lavoratori di andare prima in pensione.

Quota 92 è l’opzione che consentirebbe di guadagnarsi la pensione con con 62 anni di età e 30 di contributi ma con un taglio di almeno il 3% sull’assegno pensionistico. Quota 102 invece consentirebbe di andare in pensione anticipata con 64 anni di età e 38 di contributi. Nei 38 anni bisognerebbe conteggiare non più di due anni figurativi (esclusi dal computo maternità, servizio militare e riscatti volontari) “al fine di premiare/incentivare il lavoro e non gli anni di permanenza nel sistema“, come specificato dagli addetti ai lavoratori. Due strade percorribili: il Governo dovrà comunque ponderarle bene.

Ultime news pensioni anticipate: lo scivolo Fornero

L’obiettivo principale di Mario Draghi è quello di ringiovanire il mondo del lavoro ma per farlo occorre mandare in pensione coloro che hanno già maturato abbastanza esperienza e molti anni di contribuiti. Resta valida, in ottica 2022, l’alternativa che porterebbe allo sfruttamento dell’isopensione, prevista dalla Legge Fornero.

L’isopensione è una possibilità rivolta alle aziende e ai lavoratori ai quali mancano al massimo sette anni per maturare il diritto a una pensione che sia di vecchiaia o anticipata. Sfruttando l’isopensione, il lavoratore può intascare una rendita pari allo stesso importo della pensione calcolata al momento dell’anticipo del pensionamento.

In pensione anticipata con l’Ape Sociale: le ultime

Tra le ipotesi da sfruttare anche nel 2022 per andare in pensione con anticipo troviamo anche l’Ape Sociale che consente di vedersi riconoscere la pensione anticipata in attesa del raggiungimento di quella di vecchiaia (67 anni fino al 31 dicembre 2022). Questa opzione è riservata a chi compie nel 2021 (o ha già compiuto) 63 anni di età.

Vi ricordiamo che per avere informazioni su un caso specifico è sempre bene rivolgersi a un consulente del lavoro che saprà analizzare nel dettaglio tutte le richieste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.