Milly Carlucci parla di Baila: “non si possono dire bugie in tv”

Era prevedibile che oggi anche Milly Carlucci avrebbe dato la sua opinione su quello che è successo dopo la sentenza del giudice di Roma a proposito della messa in onda di Baila. La conduttrice di Ballando con le stelle ha aspettato che la puntata di Baila andasse in onda per capire quali siano tutte queste grandi differenze di cui si è parlato. E’ intervenuta quindi poi a La vita in diretta e intervistata da Mara Venier ha voluto dare il suo parere su tutto quello che è stato detto nelle ultime ore. Secondo il parere della conduttrice di Ballando ci sono troppe somiglianze tra i due format, e addirittura ieri Baila è andato in onda con le proibizioni del giudice. Sono due programma sovrapponibili secondo la conduttrice nel senso che sono praticamente quasi uguali. Inoltre Milly sottolinea il fatto che si siano dette troppe bugie…A cosa si riferisce?

Cosa c’è di diverso nel presentare una coppia che si esibisce, nel presentare i familiari che ci sono in studio, nel dare dei giudizi con le palette e nel vedere delle esibizioni a sorpresa…Quali sarebbero le differenze? Se lo chiede Milly Carlucci oggi durante La Vita in diretta. E in effetti chi ha costruito Baila poteva pure scegliere un giudice che non ricordasse così tanto sia fisicamente che nei modi di fare Caroline Smith! A parte questa considerazione Milly non ci sta e non vuole che ci si continui a difendere dicendo che Baila si ispira a Ballando per un sogno ( che tra l’altro ricorda la Carlucci, ha copiato anche parecchie cosa da Ballando).

“Io penso  che non si debba usare la tv per dire bugie, la tv è autorevole per la gente a casa. Non si può andare in onda e presentare dieci ballerini che hanno fatto gare di ogni tipo e dire “è un agricoltore”, o “un impiegato”, omettendo che si tratta di un campione di ballo e per di più farlo dire anche a loro. È falso, è un modo brutto di dire le bugie, mi dispiace per la deontologia televisiva” queste le parole di Milly Carlucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.