Processo Sarah Scazzi, parla mamma Concetta

Non potevano darvi le ultime notizie su quello che sta succedendo a Taranto. E’ partito oggi il processo per l’omicidio della piccola Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana uccisa il 26 agosto 2010. Si torna a parlare dei protagonisti di questa storia: Michele Misseri, Sabrina e Cosima indagate per l’omicidio della piccola e molti altri testimoni alla sbarra. Torna a parlate però anche la mamma della piccola Sarah, Concetta Serrano che decide di sfogarsi tramite i giornalisti di Tgcom. Oggi nelle prime ore del processo abbiamo rivisto Sabrina e Cosima ma in tv non si rivedranno: gli avvocati hanno richiesto che le due donne non vengono mostrare. Sappiamo però che Sabrina ha pianto molto durante il processo mentre Cosima non ha fatto trasparire nessuna emozione. In aula invece vediamo Michele Misseri e la famiglia Scazzi: Concetta è seduta vicino al suo ex marito e a suo figlio Claudio. Prima della sessione di oggi Concetta ha parlato con i giornalisti Mediaset, ecco le sue parole.

Parla la mamma di Sarah: “Odio Sabrina”

Si inizia oggi, il processo sarà lungo e difficile. Prima dell’udienza di oggi parla Concetta Serrano. “Odio Sabrina per il male che ha fatto a Sarah e a tutti noi, ma Dio e io stessa come cristiana proviamo misericordia, in quanto ogni persona che commette un’azione grave può essere recuperata se mostra pentimento”.

Continua: “Eravamo due famiglie che si frequentavano non capisco perché sia accaduto questo. La gelosia? Mah, non so se sia stata solo quella”. Su Sabrina e su Cosima: “Per me sono due persone che hanno sbagliato e devono pagare. Non starò a tutte le udienze, ma solo alle più importanti”.
Parla anche della composizione della Corte d’Assise: “Il presidente è donna, sette giudici su otto sono donne. Le donne sono più agguerrite, questo mi dà fiducia per una sentenza che faccia giustizia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.