L’esplosione della fabbrica di fuochi a Modugno: potrebbero essere 7 i morti


Si teme che il bilancio possa essere davvero tragico. Le ultime agenzie battute in questi minuti parlano di 7 morti mentre da Modugno, cittadina in provincia di Bari, ci fanno sapere che per ora le vittime certe, purtroppo, sono 4 mentre tre persone risultano essere nella lista dei dispersi. Per questo c’è indecisione in merito al tragico bilancio dopo l’esplosione della fabbrica di fuochi di artificio avvenuta un paio di ore fa. Il Procuratore della Repubblica di Bari Giuseppe Volpe e il pm di turno Domenico Minardi hanno lasciato il Palazzo di Giustizia per raggiungere il luogo in cui è avvenuta l’esplosione.  Il Procuratore parlando con i giornalisti ha dichiarato che ci vorranno almeno 24 ore per riportare in sicurezza tutta la zona. Ci sono infatti ancora dei focolai e il lavoro dei vigili del fuoco è ancora lungo.


La fabbrica si trova in una zona di campagna e intorno c’è un boschetto che ha preso fuoco probabilmente anche a causa dell’aridità delle terre dovuta al caldo di questi giorni. Nella fabbrica lavorano una decina di persone, in questi giorni il lavoro era anche aumentato in seguito alle tante richieste per le feste patronali nelle varie zone della Puglia ma non solo. Secondo le ultime notizie che arrivano da Modugno al momento dell’esplosione della fabbrica c’erano al suo interno almeno 14 persone.

Sul posto sono arrivati anche il sindaco di Modugno, Nicola Magrone, e quello della città metropolitana, Antonio Decaro. La zona è stata completamente isolata e interdetta e gli artificieri stanno procedendo ad esplosioni controllate per disinnescare tutto il potenziale esplosivo contenuto nella struttura. Si spera davvero che il bilancio delle vittime non cresca e che i dispersi si siano messi in salvo e possano essere ritrovati al più presto.

Ricordiamo che allo stato attuale delle cose le vittime confermate sono 4 anche se alcune agenzie parlano di 7 morti.


Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close