Strage familiare a Frattaminore: uccide la moglie e il figlio, poi si impicca

Avrebbero dovuto divorziare, queste le voci di quartiere, questi i commenti delle persone che incredule, seguono con attenzione il lavoro delle forze dell’ordine dopo l’ennesimo caso di violenza familiare. Questa volta non è solo un femminicidio, ma c’è dell’altro. Siamo a Frattaminore, nel napoletano, in via Liguori 51 dove la polizia ha trovato un uomo impiccato, e moglie e figlioletto di tre anni morti per cause da accertare. L’ipotesi principale porta a credere che l’uomo abbia ucciso sua moglie, poi il bambino e infine si sia tolto la vita. E’ successo questa notte, tutto quindi è ancora da verificare.

LE ULTIME NOTIZIE DA FRATTAMINORE- I giornali campani parlano di una vera e propria strage, non ci sono del resto altre parole per definire quello che accade in questi casi. Gennaro Iovinella, di 50 anni, è stato trovato impiccato nell’androne del palazzo dove la famiglia abitava. Il corpo senza vita della moglie Catia Perrotta, 40 anni, e del figlio di tre anni sono stati invece trovati in casa. Secondo fonti investigative la coppia era in procinto di separarsi.All’esterno del civico 51 di via Liguori si è radunata una folla di amici e vicini della coppia, originaria della vicina Frattamaggiore dove la donna, Catia Perrotta, ha lavorato come commessa.

Gli investigatori non hanno dubbi: si è trattato di un omicidio-suicidio. A trovare il cadavere dell’ uomo è stato un vicino di casa. L’uomo era disoccupato e lavorava saltuariamente. Questa circostanza, secondo quanto si apprende, era all’origine dei litigi. Il gesto è avvenuto in una palazzina signorile di due piani nel centro di Frattaminore, nei pressi della chiesa di San Maurizio. La vita di questa coppia era cambiata molto, secondo quelle che sono le testimonianze di parenti e amici. A causa della crisi avevano perso la pizzeria che gestivano insieme, da quel momento le cose sarebbero andate sempre peggio per i due. 

Sul posto sono al lavoro gli agenti della polizia scientifica mentre si sta attendendo l’arrivo del pm di turno della Procura della Repubblica di Napoli Nord

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.