Milano bimba di sette mesi muore per colpa di un tappo: aperta inchiesta

Un fatto di cronaca davvero brutto quello che dobbiamo raccontare oggi, purtroppo dalla cronaca nera arrivano notizie che lasciano senza parole. Una neonata di sette mesi è morta a Milano dopo aver ingerito un piccolo tappo. Per il momento si sa davvero ben poco dei fatti accaduti e si pensa a una fatale casualità. Ma nelle prossime ore intorno a questa vicenda si lavorerà per capire quello che è davvero successo nell’abitazione della piccola. La bambina è stata portata subito all’ospedale Buzzi, nella zona nord ovest della città, ma non c’è stato nulla da fare. La procura ha disposto l’autopsia e il pm di turno Maurizio Ascione ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. La notizia è stata diffusa nel pomeriggio del 19 giugno 2018 ma i fatti risalirebbero alla giornata di ieri. 

BAMBINA SOFFOCA CON UN TAPPO: MUORE A SETTE MESI, LE ULTIME NOTIZIE DA MILANO

Stando a quanto ricostruito al momento, la piccola, che aveva vicino il fratello di pochi anni, ieri mattina verso le 7 ha preso un tappo di un profumo e lo ha messo in bocca e ciò ha causato il soffocamento. Purtroppo si tratta di fatalità che possono accadere quando si perde di vista, anche solo per un attimo, un bambino così piccolo. L’abitudine di portare tutto in bocca è spesso una conseguenza fatale.  Ora gli inquirenti dovranno verificare se ci siano state negligenze nella custodia da parte dei genitori, che erano in casa ma che non si sono accorti che la bimba aveva preso in mano e ingerito il tappino. Il pm dovrà anche effettuare un’iscrizione nel registro degli indagati della coppia a garanzia, come atto dovuto, per svolgere tutti gli accertamenti del caso.

Non ci sarà bisogno in ogni caso, di una accusa ufficiale, i genitori della bambina si sentiranno condannati a vita per quello che è successo visto che hanno perso la loro piccola e se ne faranno in eterno una colpa. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.