Ad Arezzo una donna usa l’alcool per rinfrescarsi: arriva una scintilla e muore

Sembra una storia da film, da scena del crimine con tanti punti interrogativi ma purtroppo la storia che stiamo per raccontarvi è reale e arriva da Arezzo. Una donna anziana, pare avesse tra le abitudini, in occasione del torrido caldo estivo, quella di rinfrescarsi usando un metodo non certo ortodosso. La signora usava, secondo quello che riportano le testate giornalistiche toscane, l’alcool per combattere la calura estiva. Un rimedio che però le è costato la vita. La donna, 86 anni, si sarebbe cosparsa il corpo con l’alcool ma all’improvviso sarebbe arrivata una scintilla che avrebbe provocato la sua morte per ustioni gravi.

Come è arrivata una scintilla? Pare sia partita dal vestito sintetico che indossava, che probabilmente sfregando contro il suo corpo ha generato una scintilla che è bastata per dare fuoco all’abito e provocare delle ustioni che purtroppo hanno provocato la sua morte.

AREZZO ULTIME NOTIZIE: DONNA MUORE USTIONATA, LA SCINTILLA PARTITA DAL SUO VESTITO

La donna avrebbe cercato in tutti i modi di spegnere il fuoco ma non ci sarebbe riuscita.

Sono intervenuti per primi i parenti, che abitano al piano di sotto, e sono arrivati i soccorsi: 118 e vigili del fuoco. Trasportata all’ospedale è deceduta dopo alcune ore. La notizia è stata pubblicata oggi da tutti i media toscani, tra i quali anche Il Corriere di Arezzo che però data questo evento tragico al 29 giugno 2019. . La procura ha aperto un fascicolo per fare piena luce sull’accaduto, anche se per ora sembrano escluse responsabilità di terzi. I carabinieri e i vigili del fuoco hanno condotto gli accertamenti del caso e cercano di capire, anche con le testimonianze di chi conosceva bene questa donna, se è davvero possibile che avesse questa abitudine. A quanto pare , è stato ritrovato il flacone di alcol utilizzato. Pare che quella di rinfrescarsi con l’alcol fosse una abitudine dell’anziana. A terra nella sua camera sono stati trovati alcuni indumenti bruciati che probabilmente la donna ha usato per cercare di spegnere le fiamme.

Una storia davvero terribile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.