Choc a Vallo della Lucania: partorisce e mette il neonato nella valigia. Il piccolo muore

Le ultime notizie da Vallo della Lucania: neonato ritrovato morto in valigia. La madre in ospedale per curarsi senza il piccolo

Notizie Flash da Salerno-E’ una notizia di questa mattina, ci sono ancora pochissime informazioni. Siamo a Vallo della Lucania, in provincia di Salerno. Un neonato sarebbe stato ritrovato morto in una valigia: queste le prime notizie che arrivano in merito a questa storia da brividi. Tutto inizia con l’arrivo in ospedale di una donna: sembra avere una forte emorragia ma anche se non dice quello che è successo, i medici non hanno dubbi. La donna ha appena partorito anche se il bambino non è in ospedale con lei. Si chiedono che fine possa aver fatto il neonato e chiedono subito l’intervento delle forze dell’ordine, sperando di arrivare in tempo per salvare la vita del piccolo.

VALLO DELLA LUCANIA CHOC: NEONATO TROVATO MORTO IN UNA VALIGIA

I Carabinieri hanno subito rintracciato l’indirizzo della donna, una moldava di 30 anni, che riceveva nel frattempo le cure del caso in ospedale. Nonostante la tempestività però non hanno potuto fare nulla: quando sono arrivati sul posto infatti, hanno trovato il bambino senza vita. La donna lo aveva nascosto in una valigia. Per il piccolo, nato probabilmente poche ore prima, non c’è stato nulla da fare.

Inizieranno adesso le indagini per capire se il piccolo sia nato già morto oppure se abbia smesso di respirare dopo la nascita. Per il momento si va in questa direzione senza prendere in considerazione la possibilità che sia stata la madre del piccolo a fargli del male. Solo gli esami autoptici permetteranno di capire che cosa è successo realmente al bambino.

Indaga la procura di Vallo della Lucania con i carabinieri della locale compagnia guidati dal capitano Annarita D’Ambrosio . Per il momento non sono trapelate alla stampa notizie su eventuali dichiarazioni fatte dalla madre del bambino che dovrebbe trovarsi ancora in ospedale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.