L’omicidio di Luca Sacchi, si è costituito uno dei due assassini: le ultime notizie

La storia di Luca Sacchi, il ragazzo di 24 anni che ha cercato di difendere la sua fidanzata nel corso di una rapina e morto poche ore dopo in ospedale, ha sconvolto ieri l’Italia. Un giovane morto senza un motivo, per pochi euro, per uno zainetto. Le forze dell’ordine hanno iniziato immediatamente la ricerca dei due criminali coinvolti nella rapina prima, nella sparatoria dopo ma non hanno trovato nulla di utile. Nelle ultime ore però è arrivata la svolta nel caso: un ragazzo italiano si sarebbe costituito raccontando di essere una delle due persone coinvolte nell’omicidio di Luca.

Secondo quanto riferiscono diverse testate giornalistiche romane, il ragazzo avrebbe poi anche fatto il nome della persona che era insieme a lui durante la rapina. Vediamo quindi le ultime notizie sul caso.

ULTIME NOTIZIE DA ROMA: TROVATI I DUE ASSASSINI DI LUCA SACCHI

Il giovane, secondo quelle che sono le ultime notizie, si sarebbe presentato in caserma con il suo avvocato per costituirsi e confessare;  durante l’interrogatorio, avrebbe fatto il nome del suo complice, l’altro ragazzo presente durante l’omicidio del ventiquattrenne. In un blitz congiunto Polizia-Carabinieri anche l’altro presunto assassino è stato prelevato e portato in questura. Entrambi i ragazzi sono di Roma, del quartiere Ponte di Nona.  Il secondo ragazzo sarebbe stato arrestato questa mattina intorno alle 3. Altre fonti invece raccontano che sarebbe stata la polizia a trovare entrambi dopo le indagini della giornata di ieri.

Queste sono le prime notizie arrivate alla stampa, per il momento non si sa molto altro e non si conosce l’identità dei due ragazzi coinvolti nell’omicidio di Luca Sacchi. Il giovane aveva reagito alla rapina per proteggere la sua fidanzata ma era stato poi raggiunto da un colpo di arma da fuoco alla testa.

La fidanzata di Luca, Anastasiya Kylemnyk, nata in Ucraina ma in Italia dal 2003, 24 anni, sotto shock, non ha lasciato un solo attimo l’ospedale; è sempre rimasta accanto al suo Luca finché i genitori non hanno deciso per la donazione degli organi ed è arrivata l’équipe dei trapianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.