A Venaria una mamma prova a uccidere il suo bambino con i farmaci nel biberon

Da Venira, in provincia di Torino, arriva una incredibile storia che lascia ancora una volta tutti sconvolti. Una mamma ha tentato di uccidere il figlio di 14 mesi mettendogli delle medicine nel latte e dandogli poi il biberon. Ancora poche le informazioni su questa vicenda ma pare che la donna, dopo aver cercato di uccidere il suo bambino, abbia anche tentato di togliersi la vita.

VENARIA: MAMMA TENTA DI UCCIDERE BAMBINO DI 14 MESI CON I FARMACI

I fatti sono accaduti nella giornata di oggi, 15 novembre 2019. La notizia è arrivata pochi minuti fa alla stampa, dopo che le forze dell’ordine hanno portato in salvo il bambino che per fortuna non è morto. La donna e il piccolo abitano in via Mathi quartiere Altessano, zona popolare della città di Venaria. La donna ha somministrato dei farmaci al piccolo utilizzando il latte del biberon. Il bambino è ricoverato al Regina Margherita, mentre la mamma ha tentato il suicidio tagliandosi le vene dei polsi. A evitare il dramma probabilmente è stato il rientro a casa del marito della donna, provvidenziale. L’uomo infatti ha subito chiamato i soccorsi, riuscendo così a salvare la vita di suo figlio. Anche la donna è stata subito portata in ospedale e pare, dalle ultime notizie, che non rischi la vita.

I carabinieri stanno tentando di chiarire che cosa ha scatenato il gesto folle della donna. 

Il piccolo, che inizialmente sembrava in gravi condizioni,è stato dichiarato fuori pericolo dai medici. Ha i parametri nella norma, è sveglio e ora è ricoverato in Pediatria. Sulla vicenda indaga la procura di Ivrea. Nelle prossime ore potrebbe essere proprio la donna, una volta superato lo choc, a raccontare quello che l’ha spinta a compiere delle azioni simili. Viene da pensare che si possa trattare di depressione post partum, vista l’età del piccolo che ha un anno e due mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.