Guglielmo Mollicone ricoverato in ospedale: il papà di Serena in gravi condizioni

E’ sicuramente stanco papà Guglielmo ma non può mollare. Deve resistere, ce la deve fare perchè giustizia per Serena potrebbe finalmente arrivare. Le ultime notizie arrivano il 27 novembre 2019: Guglielmo Mollicone è stato ricoverato in ospedale, pare abbia avuto un infarto. Dal 2001, da quando Serena è stata uccisa, papà Guglielmo si batte per la verità sul suo assassinio. Proprio poche settimane fa ci sono state delle novità sul processo, e forse i veri responsabili dell’omicidio di Serena potrebbero presto pagare. Per questo Guglielmo adesso non si deve arrendere perchè dopo quasi 20 anni da quel momento, potrebbe arrivare la verità, potrebbe esserci giustizia per sua figlia.

Quasi 20 anni di dolore per Guglielmo che non solo è stato privato dell’amore di una figlia giovanissima, non solo ha sofferto per tutto quello che è accaduto. Ma ha anche avuto l’umiliazione di essere prelevato, il giorno del funerale di Serena, in chiesa, davanti a tutti. Anche su di lui il sospetto, anche su di lui le ombre. Nulla di vero chiaramente ma nel cuore di un padre, quelle ferite non possono essere risanate.

GUGLIELMO MOLLICONE ULTIME NOTIZIE: IN OSPEDALE IL PADRE DI SERENA

Due settimane fa, il 13 novembre, Guglielmo Mollicone era in aula per l’udienza preliminare, poi slittata al 15 gennaio, del processo per l’omicidio della diciottenne. Ancora una volta un cavillo burocratico, ancora una volta un dolore per papà Guglielmo che però continua a lottare perchè sa che la verità potrebbe essere finalmente vicina e che giustizia per Serena potrà essere fatta. Al termine della nuova inchiesta portata avanti dal sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo, ad essere accusati sono l’allora comandante della stazione dell’Arma di Arce, la moglie, il figlio e altri due carabinieri.

Guglielmo Mollicone si trova in ospedale a Frosinone. Poche ancora le notizie circa le sue condizioni di salute. Pare sia grave.

Forza papà Guglielmo non mollare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.