Acilia, giovane neo mamma partorisce e uccide la sua bambina massacrandola di botte


Notizie Flash-E’ una bruttissima notizia quella che arriva da Acilia, siamo a pochi chilometri da Roma. Le forze dell’ordine stanno indagando su una vicenda molto delicata. Una ragazza avrebbe chiamato l’ambulanza dopo aver partorito. Aveva bisogno di aiuto ma non era la sola. Purtroppo il bambino che ha messo al mondo è al momento in gravi condizioni in ospedale e si teme che la ragazza possa averlo massacrato di botte nel tentativo di ucciderlo.

La ragazza, secondo quanto riferiscono i media romani, sarebbe ora piantonata all’ospedale Grassi di Ostia. L’episodio, ancora poco chiaro, è avvenuto ad Acilia, nella periferia sud di Roma.

ACILIA ULTIME NOTIZIE: RAGAZZA PARTORISCE E TENTA DI UCCIDERE IL BAMBINO

Il parto è avvenuto in casa, alla presenza della mamma della ragazza. Sono state le due donne a chiamare l’ambulanza, spiegando che il neonato era caduto. Ma sul suo corpo ci sarebbero segni compatibili con percosse. Il bambino è ora ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Sant’Eugenio.

AGGIORNAMENTO: Il Messaggero racconta le ultime notizie relative a quanto accaduto. La piccola ricoverata in ospedale sarebbe morta poche ore dopo il ricovero. La neonata era stata portata da Ostia al Bambin Gesù di Roma ma purtroppo i medici non hanno potuto fare nulla per salvare la vita della piccola.

Secondo quanto riferisce Il Messaggero, i medici avrebbero riscontrato ferite compatibili con un profondo trauma cranico. Quando i soccorritori sono arrivati in casa, hanno trovato sangue ovunque e la mamma e la ragazza avrebbero raccontato che la neonata era caduta.

Siamo solo all’inizio delle indagini di questa triste vicenda, nelle prossime ore potrebbero arrivare nuovi dettagli.

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close