Coronavirus ultime notizie: superati i 1000 contagiati, 29 i morti

Anche oggi 29 febbraio 2020 arriva il bollettino medico dalla protezione civile, con gli ultimi aggiornamenti che purtroppo non sono positivi. Il numero delle persone contagiate cresce: l’Italia supera i 1000 contagiati. E’ bene sempre ricordare che il numero delle persone positive non corrisponde a quello dei pazienti che sono ricoverato in ospedale e che hanno bisogno di cure specialistiche, ma solo di persone positive al coronavirus. Purtroppo sale anche il numero delle persone decedute, oggi sono 29 i morti. Il contagio continua e probabilmente anche per questo le regioni maggiormente colpite dall’emergenza coronavirus hanno deciso di prolungare alcune misure di cautela. In Lombardia, in Emilia Romagna e in Veneto le scuole restano chiuse anche la prossima settimana. Per quanto riguarda invece il Piemonte, le porte delle scuole si riapriranno mercoledì.

Vediamo nel dettaglio i numeri aggiornati alle 18 del 29 febbraio 2020.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: SUPERATI I 1000 CONTAGIATI

Sono 1.049 le persone che ad oggi risultano positive al Coronavirus. A queste si aggiungono 29 persone decedute e 50 guariti in tutta Italia. Complessivamente, dall’inizio dell’emergenza sono stati dunque 1.128 i contagiati. E’ il bilancio fornito dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli. Per quanto riguarda le vittime, Borrelli ha specificato: “Si tratta di persone anziane” affermando che 6 decessi sono avvenuti in Lombardia, 2 in Emilia Romagna. Da piu’ parti e’ stata avanzata l’esigenza di mascherine. Le stiamo cercando con i colleghi della Regioni. In particolare servono mascherine chirurgiche, ne stiamo recuperando tante, con numeri che confidiamo di incrementare” ha aggiunto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli in conferenza stampa.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE:SCUOLE CHIUSE IN TRE REGIONI ITALIANE

In Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna al momento è in cura il 93% di tutti gli 821 positivi al nuovo coronavirus in Italia. Riteniamo pertanto saggia la decisione del governo, inserita nel nuovo decreto sull’epidemia, di prorogare la chiusura delle scuole in queste Regioni per altri 8 giorni. Abbiamo bisogno di tempo per contenere il
contagio, evitare il caos negli studi pediatrici e nei pronto soccorso e occuparci di chi ha bisogno di cure”.
Così Paolo Biasci, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.