Addio a Gino Strada: è morto il fondatore di Emergency

La notizia è stata data dal Corriere della sera e sta facendo il giro del mondo in questi minuti. Purtroppo è morto Gino Strada. Il fondatore di Emergency aveva 73 anni e secondo quanto si legge sul Corriere della sera sarebbe morto in Normandia, dove si trovava in questi giorni. Una vita spesa per gli altri, quella di Gino Strada. Grazie a Emergency sono state milioni nel mondo le persone curate. Secondo gli ultimi dati raccolti e pubblicati sul sito ufficiale di EMERGENCY sono state oltre 11 milioni le persone curate.

La notizia della morte di Gino Strada viene confermata anche dall’Ansa, si parla di fonti vicine alla famiglia.

Addio a Gino Strada: lo ricordiamo con le sue parole

“Quel che facciamo per loro, noi e altri, quel che possiamo fare con le nostre forze, è forse meno di una gocciolina nell’oceano. Ma resto dell’idea che è meglio che ci sia, quella gocciolina, perché se non ci fosse sarebbe peggio per tutti. Tutto qui. È un lavoro faticoso, quello del chirurgo di guerra. Ma è anche, per me, un grande onore.” Lettera da un chirurgo di guerra, trascrizione da “Pappagalli Verdi”

Nel 1994, l’esperienza accumulata negli anni con la Croce Rossa spinge Gino Strada, insieme alla moglie Teresa Sarti e alcuni colleghi e amici, a fondare EMERGENCY, Associazione indipendente e neutrale nata per portare cure medico-chirurgiche di elevata qualità e gratuite alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà.

Il primo progetto di EMERGENCY, che vede Gino Strada in prima linea, è in Ruanda durante il genocidio. Poi la Cambogia, Paese in cui resta per alcuni anni.

Premi e riconoscimenti

Gino Strada ha ricevuto, nel corso degli anni, diversi riconoscimenti per il suo operato, il suo alto valore morale e umanitario.

2017 – Premio Sunhak per la Pace, Corea del Sud.

2015 – Right Livelihood Award, considerati il “Nobel per la Pace” alternativo.

2006 – PHD in Humane Letters dal Colorado College di Colorado Springs, Colorado, USA.

2003 – Premio Antonio Feltrinelli dell’Accademia Nazionale dei Lincei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.