A Bronte Ada è stata uccisa dal suo ex che poi ha tentato di togliersi la vita

Sui social condivideva le foto che lo ritraevano insieme a sua moglie, nella vita reale quel ti amo si è trasformato in odio e violenza. Stavano per separarsi Filippo Asero e sua moglie Ada Rotini ma a quanto pare l’uomo non si rassegnava alla fine di questa storia e postava immagini con cuori e scritte romantiche.  Sul suo profilo Facebook l’uomo, accusato di aver ucciso la moglie Ada Rotini, 46 anni, il 22 agosto scorso ha pubblicato una foto che lo ritrae con Ada e sopra la scritta “Ti Amo”. Nella foto copertina addirittura una immagine del giorno del loro matrimonio. Oggi gli inquirenti mettono insieme i pezzi: è stato Filippo a uccidere sua moglie a poche ore da una data importante, l’udienza per formalizzare il divorzio.

La donna era originaria di Bronte e da tempo non viveva in casa di quello che stava per diventare il suo ex marito. Il giorno del suo omicidio si è presentata in quella che era stata la loro abitazione per prendere delle cose che erano rimaste lì. Non era andata da sola, si era presentata con l’anziano al quale faceva da badante, ma questo non ha fermato Asero. L’anziano ha cercato di mettersi in mezzo, di salvare Ada ma non ce l’ha fatta. E’ rimasto ferito a un braccio. La Rotini purtroppo è morta prima che i soccorritori potessero fare qualcosa. Dopo averla uccisa, Filippi ha tentato di togliersi la vita. E’ stato salvato, adesso è in ospedale.

Ada Rotini è stata uccisa dal suo ex marito

La donna è stata trovata morta in un pozza di sangue, l’uomo ferito è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Bronte, mentre il marito assassino è stata portato in elisoccorso all’ospedale Cannizzaro di Catania, dove è giunto con il coltello ancora conficcato nell’addome.

I carabinieri della Compagnia di Randazzo, coordinati dal capitano Nicolò Morandi, oltre a quelli della locale Stazione e al reparto Investigazioni scientifiche di Catania, stanno conducendo le indagini. Ma non c’è molto da aggiungere in questa drammatica storia. Siamo di fronte all’ennesimo femminicidio avvenuto in poche ore. Solo questa mattina vi avevamo raccontato di un altro tentato omicidio avvenuto in provincia di Sassari, la vittima in questo caso, è ancora in ospedale dove combatte tra la vita e la morte mentre il suo aggressore, si è tolto la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.