Carmen è stata uccisa in un bar a Luserna San Giovanni: le ultime notizie

Un fatto di cronaca sconvolgente arriva dalla provincia di Torino. Ancora tutta da ricostruire la dinamica dei fatti ma ci sono le prime informazioni relative a quanto sarebbe accaduto. Una vera e propria tragedia nella notte in provincia di Torino dove una donna di 44 anni, Carmen De Giorgi, è stata assassinata. La donna è stata uccisa a Luserna San Giovanni, nel Pinerolese. I fatti sono accaduti questa notte in un bar, quando all’improvviso un uomo si è buttato addosso alla donna, Carmen, con cui era al bar, e ha iniziato a infierire contro di lei, con un coltello. Purtroppo, dovremmo essere di fronte all’ennesimo femminicidio. Un altro uomo che non accettava il no di una donna. L’assassino di Carmen è stato fermato poco dopo l’omicidio.

Omicidio Luserna San Giovanni ultime notizie: Carmen uccisa da un conoscente

 Intorno all’1.30 in un bar un uomo ha iniziato a sferrare coltellate che hanno ucciso una donna: una conoscente con cui era seduto al tavolino, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri. Altre due amiche sono state ferite, a quanto si apprende, in maniera non grave. Sul posto sono intervenuti i militari dell’Arma che hanno arrestato l’uomo, Medhi Hounafi, 34enne di origine marocchina in regola con il permesso di soggiorno e residente in zona, ritenuto il responsabile dell’aggressione.

Teatro della tragedia il bar Primavera di via I Maggio 46. A scatenare la furia omicida dell’extracomunitario sarebbe stato un movente passionale: la vittima avrebbe respinto alcune avances, e l’uomo l’ha colpita alla schiena con un coltello. Ferite anche le amiche della donna che tentavano di difenderla. L’aggressore poi è fuggito, e gli altri clienti del bar hanno dato l’allarme. L’uomo è stato fermato poco dopo in strada vicino al locale. Secondo le ultime notizie arrivate in questi minuti, a qualche ora dall’omicidio, sarebbero rimaste coinvolte anche altre persone. Oltre all’amica di Carmen potrebbe esserci un’altra persona rimasta ferita, si spera non in modo grave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.