Dalla terza dose per la fascia 40-60 anni alla durata del green pass per i guariti: le ultime

novità vaccino covid 19

Giornata di question time alla Camera dei Deputati e tra i temi trattati, ovviamente quelli legati al covid 19. In Italia la situazione sembra essere sotto controllo il che lascia ben sperare anche per i prossimi mesi, quelli più complicati a causa del periodo più freddo e degli ambienti chiusi che possono essere veicolo di trasmissione del virus ( a differenza di quanto avviene in estate quando si ha possibilità di stare maggiormente all’aperto). Si è parlato delle terze dosi anche per le fasce di età tra i 40 e i 60 anni e anche della durata del green pass per chi è guarito dal virus. E’ stato il ministro Speranza a rispondere alle principali domande sulla questione, annunciando anche che dal primo dicembre, ci sarà modo di fare la terza dose per un maggior numero di persone e mettere quindi al sicuro una grande fetta di popolazione.

Se in Italia potremo trascorrere delle feste in famiglia, cosa che non era successa lo scorso anno, quando i giorni di Natale erano stati etichettati a rischio e tutto il paese era in zona rossa, è bene ricordarlo, è grazie alla maggioranza della popolazione che si è vaccinata. Quello che sta succedendo in Germania, dove gli immunizzati grazie al vaccino non sono la stessa percentuale degli italiani, la situazione si sta aggravando di giorno in giorno. Solo ieri, sono stati registrati oltre 40 mila contagi in 24 ore. “La quota dei vaccinati in Germania non è sufficiente a contrastare l’impeto del contagio del Covid. Se avessimo un 10-15% di vaccinati in più avremmo un’incidenza del virus inferiore  e i dati di Spagna, Portogallo e Italia lo dimostrano”. Lo ha detto il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert.

Dal primo dicembre terza dose per chi ha tra i 40 e 60 anni

Con il confronto svolto annuncio che facciamo ulteriore passo avanti: dal primo dicembre saranno chiamati a dose di richiamo anche chi ha tra 40 a 60 anni. La terza dose è assolutamente strategica per la campagna vaccinale: siamo all’83,7% di persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Il richiamo ad oggi e’ stato offerto 2,4 milioni. Abbiamo iniziato da immunocompromessi, fragili, sanitari, over 60 e chi ha avuto J&J che possono avere booster dopo sei mesi” ha spiegato il ministro che si auspica quindi che gli italiani si rechino presso gli hub vaccinali per la terza dose.

La durata del Green pass per le persone guarite dal covid 19

La durata per i soggetti guariti è di 6 mesi e per i vaccinati e di 12 mesi. Il governo intende avviare un percorso di approfondimento per acclarare se vi siano le condizioni per valutare diversamente il certificato verde rilasciato ai guariti. Le evidenze suggeriscono che il rischi di reinfezione e’ basso se esposizione a variante si verifica entro 3-6 mesi dalla diagnosi iniziale”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza rispondendo al question time alla Camera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.