Per l’omicidio di Vincenzina Ribecco a Cutro è stato fermato il suo ex marito: le ultime

omicidio vincenzina

Le ultime notizie in arrivo dalla Calabria raccontano quello che, purtroppo, dovrebbe essere, per l’ennesima volta, un caso di violenza contro le donne. Un femminicidio, quello di  Vincenzina Ribecco, la donna che è stata uccisa con un colpo di pistola al petto all’interno della sua abitazione a San Leonardo di Cutro, in provincia di Crotone. Secondo le notizie che arrivano oggi, 9 marzo, proprio a poche ore dalla giornata internazionale della donna, a uccidere Vincenzina, sarebbe stato il suo ex marito. La Ribecco aveva 60 anni.

A trovare il cadavere, riverso sul pavimento, è stato il figlio della vittima. Il giovane ha avvertito il 118, ma per la donna non c’era più nulla da fare. Sull’omicidio indagano carabinieri della Compagnia di Crotone e del Reparto operativo del Comando provinciale che poche ore dopo il ritrovamento del cadavere di Vincenzina, hanno fermato il suo ex marito.

Per l’omicidio di Vincenzina Ribecco fermato il suo ex marito

Secondo quanto si legge questa mattina su La Stampa, l’ex marito di Vincenzina Ribecco sarebbe stato fermato poche ore dopo l’omicidio; fermo è stato eseguito dai carabinieri a conclusione dell‘interrogatorio al quale l’uomo è stato sottoposto nel corso della notte nella caserma della Compagnia di Crotone dei carabinieri. Vincenzina Ribecco lavorava d’estate come inserviente in un villaggio turistico di San Leonardo di Cutro. Vincenzina e il suo ex, erano separati da circa un anno. La donna era madre di due figli. Non ci sono al momento notizie su una possibile confessione dell’uomo o su dichiarazioni fatte nel corso dell’interrogatorio. Il movente purtroppo, sembra essere sempre lo stesso: quello di un uomo che non accettava la fine di un matrimonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.