Marco Rufini e la golosa pizza Nun fa ‘na piega, la ricetta di oggi

Un’altra golosissima pizza di Marco Rufini per le ricette La prova del cuoco oggi 11 giugno 2020 ed è la pizza Nun fa ‘na piega, la pizza con la bieta rossa, la burrata, i pinoli, il prosciutto crudo e il peperoncino, una vera delizia. E’ una delle pizza di Marco Rufini che vi suggeriamo di non perdere, iniziando dall’impasto. Come sempre a La prova del cuoco Rufini ricorda che l’impasto della pizza va in frigo per 24 ore e solo dopo si fa lievitare a temperatura ambiente, così avremo una pizza soffice e leggera. Ecco come Rufini a La prova del cuoco ha proposto la ricetta della pizza del giorno, la pizza che completa con burrata e fette di prosciutto crudo. 

RICETTE MARCO RUFINI LA PROVA DEL CUOCO – PIZZA NUN FA ‘NA PIEGA

Ingredienti – Per l’impasto: 500 g di farina 00, 320 g di acqua, 2 g di lievito secco, 10 g di olio di oliva, 12 g di sale fino

Per la farcitura: 1 kg di bieta rossa, 2 spicchi di aglio, 300 g di burrata, 400 g di prosciutto crudo di montagna, 40 g di pinoli, 1 peperoncino, 1 cipolla, pane grattugiato, sale e olio di oliva

Preparazione: nella ciotola versiamo la farina e il lievito, uniamo l’acqua, l’olio e poi alla fine il sale. Impastiamo il tutto e otteniamo il composto che mettiamo in frigo per 24 ore, ben coperto. Poi formiamo i nostri panetti e adesso facciamo lievitare fuori dal frigo, devono raddoppiare il loro volume.

Stendiamo la pasta nella teglia, mettiamo in forno nella parte bassa, al massimo della temperatura e per circa 15 minuti, completiamo la cottura nella parte alta del forno.

Togliamo la pizza dal forno e la condiamo con la bieta che abbiamo ripassato in padella con olio, aglio, peperoncino. Aggiungiamo sulla pizza i pinoli, la burrata, la cipolla che abbiamo fatto gratinare con il pame grattugiato. Completiamo il tutto con le fette di prosciutto crudo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.