Il triangolo delle Bermuda, ipnosi regressiva e città sommersa: ecco la verità (VIDEO)

Il triangolo delle Bermuda appassiona da anni scettici e curiosi di tutto il mondo. Ecco la verità su una delle leggende più intriganti di sempre. Partiamo da un video postato recentemente su YouTube. Nel filmato, viene praticata l’ipnosi regressiva su un paziente, che “diventa” un pilota di un aereo che scomparve nel 1948. L’uomo racconta tutto ciò che vide e parla anche di cose inspiegabili. Negli anni sono scomparse navi e aerei in quella zona. Almeno, così dice la leggenda. Infatti, un esponente del Cicap ha già risolto in passato questo mistero. Come spiegato da Massimo Polidoro, nessuno ha mai controllato i registri delle cosiddette navi scomparse. Tali navi risultano ancora in circolazione, mentre altre non sono nemmeno mai esistite. In realtà spariscono soltanto 5 navi su 150.000 l’anno: non c’è nessuna cifra esorbitante riguardante le sparizioni. La leggenda è nata dopo che uno scrittore ha narrato il fenomeno di navi e aerei scomparsi, e il suo libro ha venduto molto. Inoltre, la leggenda narrava che già ai tempi di Cristoforo Colombo, passando in quel luogo, la bussola impazziva mandando in crisi l’intero equipaggio. Il vero mistero nasce nel 1945: cinque aerei della marina svaniscono nel nulla. Se volete scoprire cosa successe in realtà, l’esponente del Cicap lo spiega nel video disponibile cliccando qui. Insomma, il triangolo delle Bermuda è un mistero creato ad arte e non c’è nulla di inspiegabile. Diverse navi svaniscono ogni anno e spesso la colpa è della pirateria o di incidenti. Nulla di nuovo all’orizzonte, ma il fenomeno continua non solo a intrigare, ma soprattutto a fare notizia. Anche il mondo dell’immaginario collettivo si è spesso sbizzarrito sfruttando questo mistero. Sono nati film, libri e quant’altro. Infine, l’ultima notizia riguarda addirittura una città sommersa con tanto di sfingi e piramidi ritrovata recentemente sotto il triangolo. A dirlo sono stati due scienziati: Paul Weinzweig e Pauline Zalitzki. In tempi geologici passati la zona non era sommersa, ma con il passare delle ere si è andati incontro a sconvolgimenti che hanno cambiato la topografia della zona. Secondo i due ricercatori si tratterebbe di Atlantide, Sempre secondo i due scienziati, nella città ci sarebbero 4 grosse piramidi alte circa 50 metri e perfino una sfinge. Si attendono ancora riscontri e conferme in merito, ma anche qui si tira in ballo la leggenda di Atlantide e sembrerebbe una mezza bufala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.