Aeroporti, ecco lo scanner per i liquidi: non sarà più necessario lasciarli all’imbarco

Cambiano le regole negli aeroporti. Se siete sempre stati costretti a lasciare i liquidi all’imbarco, da oggi in poi non sarà più necessario. È in arrivo infatti lo scanner per anche per le cose non solide. Da ora in poi non vi saranno più sequestrate bottigliette d’acqua, profumi e liquidi vari perché ritenuti pericolosi al check in. Non sarà più necessario lasciarli all’imbarco e potrete portarli con voi. Gli aeroporti aggiornano i loro strumenti e arriva lo scanner per i liquidi. Esso è in grado di comprendere se quello che ha davanti è un liquido pericoloso o meno. Se non si tratta di qualcosa infiammabile, potrete trasportarlo con voi, altrimenti dovrete lasciarlo all’imbarco.

Questo sistema di codifica è in fase di sperimentazione in 65 aeroporti europei. Ecco la spiegazione direttamente dalle parole del CEO dell’azienda, Paul Loeffen, che si è occupata di sviluppare questo speciale scanner: “Facciamo entrare la luce in una serie di sezioni e osserviamo come si propaga attraverso il gel o il liquido. Finiamo la nostra analisi confrontando i segnali rilevati e inserendoli all’interno di un software di elaborazione“. Il costo del macchinario si aggira sui 50.000 euro e gli aeroporti potrebbero presto dotarsi ufficialmente di questo strumento, attualmente in fase di sperimentazione.

Aeroporti nel mondo, ecco la classifica: vediamo quali sono i migliori e i peggiori – LEGGI QUI

Funziona in maniera semplice e senza alcun disagio e – si spera – alcun costo aggiuntivo per i viaggiatori. I materiali da analizzare vengono disposti su un nastro scorrevole e uno schermo indica le probabili minacce. Entro il 2016 le restrizioni legate al trasporto di liquidi nei bagagli potrebbero subire delle modifiche. La speranza è che la sperimentazione si concluda presto e abbia successo. Non resta che attendere l’ufficializzazione dell’introduzione di questi strumenti anche per far sì che i viaggiatori siano facilitati nel fare i bagagli, soprattutto per chi non è solito viaggiare e non sa bene come funzionano le regole del check in.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.