Altri tempi fiction Rai, Camilla Semino Favro è Edda: l’intervista

Ieri, nel corso della conferenza stampa per la mini serie “Altri Tempi“, che ha avuto luogo presso la sede RAI di Viale Mazzini a Roma, siamo riusciti a fare qualche domanda ad una delle attrici del cast, Camilla Semino Favro. Nel film il suo personaggio è Edda, una giovanissima donna che entra a contatto casualmente con Maddalena (Vittoria Puccini). Edda è una giovanissima ragazza che vive in campagna, in povertà, e vuole dare una svolta alla sua vita. Arriva quindi nel bordello di Maddalena, dove il suo personaggio segue una vera e propria evoluzione. Altri Tempi andrà in onda domenica 13 e lunedì 14 ottobre, in prima serata su Rai Uno. Ecco quindi cosa ci ha detto Camilla Semino Favro riguardo la mini serie Altri tempi, e non solo.

Camilla, ormai sei una veterana delle produzioni Rai: da “Fuoriclasse“ a “Don Matteo“, passando per “Una grande famiglia“. Come ci si sente a lavorare con grandi professionisti del settore e per un’azienda come la Rai?

Ho avuto la fortuna di iniziare facendo “Fuoriclasse“. Ero piccolina, appena uscita dall’accademia di teatro. Inizialmente ero un po’ destabilizzata perché non conoscevo ancora il mezzo, non sapevo ancora come fare, avendo sempre fatto solo teatro. Trovarmi vicino a professionisti come Luciana Littizzetto, Ninni Bruschetta, Fausto Sciarappa, che sono i primi con i quali sono stata a contatto, è stato molto utile, interessante, perché li osservavo e vedevo un mestiere che loro praticavano in maniera molto naturale, mentre io avevo ancora molto da imparare. Tutt’ora sono a contatto con professionisti come Vittoria Puccini, che ha fatto un lavoro enorme, difficilissimo. Quindi ho imparato tanto”.

Tornando appunto ad “Altri tempi“, raccontaci il tuo personaggio: come ci colpirà?

Edda è stato uno dei personaggi più belli che io abbia mai interpretato, perché ha un percorso molto chiaro: un punto di partenza, uno sviluppo ed un finale delineato. Con l’aiuto del regista Marco Turco abbiamo fatto davvero un buon lavoro per tirare fuori un qualcosa di molto lontano da me. Inoltre ho lavorato tanto anche sul dialetto. Essendo genovese, mi sono messa a lavoro per imparare il vercellese passando quasi un mese e mezzo in mezzo alle risaie, con l’aiuto di attori dialettali, di genitori di mie amiche e amici, che mi hanno aiutata a tradurre la sceneggiatura e a parlare in dialetto. Per me è stato un bel lavoro, molto intenso.

E’ stata una bella esperienza?

E’ stata un’esperienza stupenda.

Ringraziamo Camilla Semino Favro per essersi resa disponibile a rispondere alle nostre domande.

Altri tempi fiction rai 7

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.