Kasia Smutniak incinta: furiosa con chi nomina Pietro (FOTO)

Difficile dimenticare le foto di Kasia Smutniak nel giorno della tragedia, il giorno in cui Pietro Taricone si lanciò per l’ultima volta con il suo paracadute. Sono passati gli anni e Kasia pur non dimenticando mai il papà della sua bimba è finalmente tornata felice accanto a Domenico Procacci.

Sul palco del festival di Sanremo è bastata anche un’occhiata distratta per capire che la splendida attrice era incinta. La sua dolcezza così naturale sottolineata dalla pancia già evidente. Kasia ha confermato subito la bella notizia, la felicità sua e del suo nuovo compagno, ma le chiacchiere successive l’hanno turbata. Anzi, la Smutniak, giustamente furiosa, questa volta non ha taciuto. Lei che è sempre così riservata non poteva però restare in silenzio dinanzi a tanta mancanza di sensibilità.

Non è vero che il figlio che nascerà si chiamerà Pietro. Non conosce il sesso del piccolo ma l’idea che tanto era piaciuta a chi cercava la notiza commovente a tutti i costi forse non l’ha neanche sfiorata. L’attrice ha anche smentito che ci siano delle persone accanto a lei che le stanno facendo pressione perché il bambino, se fosse maschio, si chiami Pietro.

Insomma, è tutto falso, tutto inventato, tutto così doloroso: “Mi amareggia molto questa invasione del mio privato e trovo di pessimo gusto queste insinuazioni gratuite. Far nascere un chiacchiericcio circa il nome da dare a nostro figlio è perlomeno offensivo”, ha commentato la Smutniak ad Oggi.it. Ha inoltre chiesto che venga rispettato questo momento, di non giocare con la loro gioia e il dolore.

Domenico Procacci era un caro amico di Pietro, quel giorno su quell’aereo c’era anche lui. Adesso sono sereni, per fortuna insieme.

Seguici anche su Instagram

One response to “Kasia Smutniak incinta: furiosa con chi nomina Pietro (FOTO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.