Filippo Bisciglia parla del morbo che gli ha impedito di camminare per quasi due anni (Foto)

Filippo Bisciglia

Per la prima volta Filippo Bisciglia, il conduttore di Temptation Island, racconta di avere sofferto del morbo di Perthes, una malattia che gli ha impedito per quasi due anni di muovere le gambe, di camminare (foto). Bisciglia non ne aveva mai parlato prima ma al Magazine Uomini e Donne parla di quel periodo, anche se è un tempo per lui molto lontano ma che gli è rimasto dentro. Mentre si sta formando il cast per la prossima edizione di Temptation Island il conduttore confida di questa malattia degenerativa che colpisce in età pediatrica. Era piccolissimo e ancora ricorda quel terribile periodo della sua vita. Filippo Bisciglia spiega di cosa si tratta, ed è una malattia che causa la decalcificazione dell’anca, costringe così a non camminare. Aveva due anni e per un anno e mezzo non ha potuto muovere le gambe. Racconta il disagio e quella sensazione che gli è rimane ancora dentro.

FILIPPO BISCIGLIA – UNA MALATTIA GLI HA IMPEDITO DI CAMMINARE PER UN ANNO E MEZZO

Avrebbe dovuto operarsi ma si trattava di un intervento pericoloso, sua madre si affidò al dottor Milella che stava sperimentando una nuova cura, lunga ma che gli avrebbe permesso di camminare ancora. Così è riuscito a sconfiggere la malattia: “Grazie a lui sono diventato il primo bambino ad aver sconfitto il morbo di Perthes in questo modo. Fino all’inizio dell’adolescenza sono stato costretto ad andare tutte le settimane a fare i controlli”.

Di quel periodo ricorda poco anche perché sua madre buttò tutte le foto dai due ai cinque anni. Non dimentica però il viso di quel medico che l’ha salvato. Un’esperienza dura per chiunque, ancora di più per un bambino così piccolo. Filippo Bisciglia da allora decise che avrebbe dato il massimo in tutte le cose. Lo sta facendo ancora una volta per il suo programma. Temptation Island è suo, scherza ma ci crede fino in fondo che lo condurrà lui per sempre.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.