Flavio Insinna non si perdona a un anno dai fuori onda di Affari Tuoi (Foto)

flavio insinna

E’ stato un anno difficile per Flavio Insinna, un periodo in cui è stato messo in panchina e poi fatto rientrare in Rai senza sconti ma con un prezzo in più da dover pagare, adesso si preparare per il suo ritorno e sarà al posto di Fabrizio Frizzi per condurre L’Eredità (Foto). C’è chi ancora non l’ha perdonato per quei fuori onda di Affari Tuoi mandati in tv da Striscia la notizia ma soprattutto non si perdona lui, non l’ha ancora fatto. Nei momenti di rabbia può uscire dalla bocca di chiunque qualunque frase sbagliata, per questo Insinna ha pagato, nonostante quelle parole le abbia dette nel camerino con chi si fidava. Tornerà in punta di piedi, per il dolore che porta dentro per la scomparsa di Fabrizio Frizzi, per il rispetto che ha nei confronti del pubblico, perché è difficile prendere il posto di una persona meravigliosa come il nostro amato conduttore. Non si è ancora perdonato Flavio Insinna e continua a interrogarsi su quanto accaduto, ne parla alla rivista Vanity Fair dopo la presentazione dei palinsesti Rai per la prossima stagione televisiva.

FLAVIO INSINNA CONFIDA I SUOI PENSIERI IL SUO STATO D’ANIMO A UN ANNO DAI FILMATI MANDATI DA STRISCIA LA NOTIZIA

“No, non mi sono ancora perdonato. Capisco chi ha ancora delle riserve verso di me e credo che sia necessario del tempo, come un risotto che si lascia lì a mantecare. Se non ho trovato la serenità io stesso per primo non capisco perché debbano trovarla gli altri rispetto a quello che ho fatto” confida mentre il giornalista sottolinea che il giudizio verso se stesso è molto severo.

“Mi interrogo spesso durante il giorno su quanto accaduto. Se non facciamo sconti agli altri è giusto non farli neanche a noi. Naturalmente mi riferisco a quelli che hanno cambiato idea su di me dopo la pubblicazione di quei filmati – e conclude – Quelli a cui non piacevo già da prima entrano a gamba tesa in queste polemiche qua”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.