Mara Venier, suo nipote l’ha guarita dalla depressione (Foto)

Non è la prima volta che Mara Venier racconta del suo periodo in cui la depressione è entrata nella sua vita, è successo con la morte della madre, ma alla rivista Oggi confida il seguito. L’abbiamo vista piangere più volte in tv, emozionarsi nel ricordare la donna che l’ha messa al mondo, la donna che per lei era tutto. Mara Venier ha desiderato di morire, poi è arrivato il periodo più duro ma a renderla di nuovo felice è stato suo nipote, il piccolo Claudio. Il figlio del suo Paolo: con lui i rapporti non erano dei migliori, ammette che per causa sua c’erano delle incomprensioni. Quando è nato Claudietto suo figlio Paolo l’ha chiamata e lei è corsa in clinica e in quel momento il suo cuore ha ripreso a battere e la depressione è svanita. In tv nei vari programmi abbiamo continuato a vederla anche ridere tanto ma la realtà era un’altra e oggi riesce a parlare di sua madre ma non a tornare a Venezia, fa ancora troppo male, lì ci sono troppi ricordi.

MARA VENIER UNA TEELFONATA ED E’ SPARITA LA DEPRESSSIONE

“Vivevo per lei, pensi che non riesco a tornare a Venezia: troppi ricordi, troppe nostalgie. Quando è mancata, lavoravo con Maria, ebbi una depressione terribile, mi mancava la voglia di respirare. Mi sembrava di averla abbandonata, la mamma. La mattina che è morta, le ho sussurrato per ore le “sue” canzoni napoletane. A mezzogiorno se n’è andata. Erano tre giorni che pregavo Dio perché la facesse smettere di soffrire, ma quando il medico mi ha detto: “Mara, è finita”, io l’ho preso e ho cominciato a picchiarlo. A gridargli: “Adesso tu mi devi fare una puntura e mi devi fare andare con lei!”.

Due anni difficili da vivere e poi è arrivata quella telefonata, era nato Claudio, il suo secondo nipote. La Venier ha anche un altro nipote, adolescente, figlio di Elisabetta, adora ovviamente anche lui ma un neonato è capace di farti tornare alla vita e poi era il figlio del figlio che era ormai lontano da lei. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.