Mara Venier, i momenti drammatici della malattia della madre scritti nel suo libro

Il titolo del libro di Mara Venier racconta già tanto della malattia di sua madre, del dolore della conduttrice. “Mamma, ti ricordi di me?” e chissà quante volte la Venier ha desiderato farle questa domanda o forse l’ha fatta. Il dolore per la perdita della mamma è ancora oggi evidente quando si tocca l’argomento, l’Alzheimer. Un incubo iniziato quando mamma Elsa le ha chiesto per la prima volta il suo nome. Quel “Buongiorno signora, come si chiama?” l’ha annientata e da quel momento tutto è andato sempre peggio fino a quando la malattia le ha portato via la madre con tutto il suo amore, le passioni, le energie. La copertina della rivista Oggi è dedicata alla conduttrice di Domenica In che racconta del suo libro, di quel 2015, l’anno in cui la signora Elsa è morta, ma anche di se stessa da bambina e poi madre a sua volta.

MARA VENIER: “CHI LEGGERA’ IL MIO LIBRO CAPIRA’ PERCHE’ SONO COSI’ COME MI VEDETE IN TV”

“Non è un libro triste e non è solo su mia mamma: per farlo ho ritrovato la me stessa bambina, i miei figli da piccoli, Elisabetta e Paolo, e le persone importanti della mia vita”. E la madre era una delle più importanti, il loro legame era simbiotico, Mara adorava essere figlia, tornare a casa da lei, dormire nel suo lettino. “Mia madre ha dato moltissimo amore anche ai miei figli e la sua malattia ci ha uniti, ci ha aiutati a superare vecchie ruggini: tutti e tre abbiamo sentito il profondo desiderio e il dovere di restituirle l’amore che ci ha regalato”.

Ha tanto da raccontare la Venier è l’ha fatto in questo libro, ha trovato il coraggio di farlo e non è stato semplice. L’ha spinta suo marito ed è stato un bene perché solo l’anno scorso Mara è riuscita a guardare le foto di sua madre e a trovare la serenità che sembrava persa. Anche il piccolo Claudio l’ha aiutata ad uscirne fuori e tornare a vivere. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.