Aida Yespica non vede suo figlio da 2 anni, racconta di depressione e tribunale

Non è stata semplice la vita di Aida Yespica e in alcune cose continua ad esserlo. La showgirl non vede suo figlio da due anni, certo colpa del covid e del passaporto ma c’è anche altro nel suo passato. A Libero Quotidiano Aida Yespica confida che il suo ex, il padre di suo figlio, Matteo Ferrari, non voleva che lei frequentasse il bambino. E’ stata una dura lotta che ha portato l’ex coppia in tribunale ma Aron da tempo vive con suo padre a Miami e per Aida è una continua sofferenza. E’ un’intervista in cui la Yespica racconta molto della sua vita partendo dalla depressione subito dopo il parto. E’ stato quello un periodo molto difficile per lei, poi la separazione da Matteo, dolori e delusioni che si sono sommati.

Aida Yespica: “Oggi tra me e Matteo c’è un rapporto civile”

Ho sofferto di depressione post-partum ed è stato un periodo faticosissimo. In più c’è stata la separazione con Matteo, che ha provocato ancora di più dei dolori e delle grandi delusioni. Io e Matteo siamo dovuti andare in tribunale, perché inizialmente lui non voleva che io frequentassi Aron ha confidato Aida aggiungendo che poi tutto si è risolto e alla fine anche se è stata dura la giustizia le ha dato ragione.

“E’ stata molto dura, ma alla fine la giustizia ha dato ragione a me, vedendo quanto amore e dedizione davo a mio figlio. Oggi posso dire che tra me e Matteo c’è un rapporto civile”. Intanto, non vede suo figlio Aron da ben due anni ma confida che è serena, che sta vivendo un amore che la rende felice. Lui è Mirco Maschio, imprenditore di Padova, da subito hanno deciso di convivere. “Sono molto serena e da poco sto vivendo una bella relazione con Mirco Maschio, un imprenditore di Padova. E’ avvenuto tutto molto velocemente, ma ho deciso di venire a vivere subito nella sua città”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.