Elena Santarelli: dopo il tumore di Giacomo la quotidianità l’ha fatta rinascere

Elena Santarelli mamma

C’è chi ha criticato il ritorno alla quotidianità di Elena Santarelli dopo la malattia del figlio ma la showgirl continua a spiegare a chi ha qualche difficoltà che questo le ha permesso di rinascere e di essere la mamma che è oggi. Non si sente perfetta e non vorrebbe esserlo e al settimanale Confidenze rivela che se si guarda allo specchio si promuove. Come donna, come mamma, come amica, Elena Santarelli sa di avere fatto e di fare il possibile pur con tutte le difficoltà e con gli errori da mettere in conto. Oggi però si sente matura, forse perché ha compiuto 40 anni, forse perché l’esperienza superata le ha fatto capire tante cose.

Elena Santarelli felice di ciò che è diventata

Il bilancio è positivo e lo merita tutto. Mio figlio Giacomo ha vinto un tumore cerebrale. Tornare alla quotidianità mi ha permesso di rinascere. Oggi mi sento più matura, forse anche perché ho compiuto 40 anni. E se mi guardo allo specchio non mi do un brutto voto: come mamma, amica e donna mi promuovo. Sono felice di ciò che sono diventata”.

Ben venga se raccontare la sua esperienza può servire ad altri genitori, lei continua a farlo, dopo due libri e tante interviste. La Santarelli sa bene che è stata una mamma fortunata perché altri genitori devono subire dolori ancora più grandi.

Per molte mamme il lieto fine non c’è stato e lo so bene, non giudico nessuno e tantomeno chi davanti al dolore si è sentito vacillare” oggi affronta problemi a cui prima non badava.

Spesso i figli fanno domande a cui non è facile rispondere, ci sono argomenti, come un lutto o il bullismo, complicati da affrontare. Oppure, occorre correggere atteggiamenti capricciosi. Partendo dalla mia esperienza personale, ho pensato di scrivere una sorta di manuale rivolto a tutti i genitori, anche se non sono e non mi sono mai sentita una mamma perfetta (né vorrei esserlo, perché mi spaventerebbe)”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.