Clizia Incorvaia prepara il borsone per l’ospedale: “La pancia si è abbassata”

clizia incorvaia ospedale

Manca ancora un po’ per il parto di Clizia Incorvaia ma lei è quasi sicura che il bebè nascerà prima. Questa mattina ha notato che la pancia si è abbassata, ed è un chiaro segno che forse manca davvero meno del previsto. Non ha la certezza, è ovvio, ma nel dubbio prepara il borsone. E’ arrivato il momento di organizzare tutto per l’arrivo del piccolino e come promesso Clizia Incorvaia lo fa con i suoi follower. E’ alla 34esima settimana, è in ogni caso il momento giusto per preparare il borsone per l’ospedale, il necessario per lei e per suo figlio. “Mi sento che bebè nasce prima… Poi vedremo magari mi fa aspettare un sacco” confida Clizia nelle sue stories.

Clizia Incorvaia pronta per il parto

Ha preparato quasi tutto sul letto, c’è sempre qualcosa da aggiungere. La Incorvaia deve sistemare tutto nel borsone, inizia con il beauty con i prodotti necessari per lei, ovviamente la camicia da notte con i bottoni per la sala parto, tutti gli slip usa e getta, le coppette per il seno e ogni cosa necessaria alle mamme, prima e dopo il parto.

I saponi per lui, tre cambi per il piccolino sistemati nei sacchettini. Ha già scelto cosa indosserà il suo bebè per uscire dall’ospedale ma anche le tutine senza piedini, più pratiche quando è appena nato. E’ davvero tutto molto carino, ogni cosa scelta in base all’esperienza già fatta ma anche con la voglia che tutto sia perfetto.

Davvero utili i consigli della influencer che scrive anche cosa non deve mancare per l’igiene quotidiana. Tutti consigli molto utili per le mamme in dolce attesa. Poi l’ultimo suggerimento: “Un mascara e qualche trucco in valigia per sentirti bella!”.

Si sente piena di energia, da poco ha superato anche il covid che l’aveva buttata un po’ giù. Adesso è pronta per il fratellino della sua Nina. Come si chiamerà il piccolo? Gabriele o Leonardo?

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.