Avvocata Woo è su Netflix: l’imperdibile serie che ci racconta la “straordinaria” Woo

Tra le serie da non perdere su Netflix c'è sicuramente Avvocata Woo: Extraordinary Attorney Woo vi colpirà
avvocata woo

Extraordinary Attorney Woo ( in Italia la serie si trova nel catalogo di Netflix con il titolo Avvocata Woo) è la nuova serie coreana Netflix di cui probabilmente si sentirà parlare di più nei prossimi mesi, quando, dopo la ricerca di serie leggere da vedere in estate, si andrà a caccia di prodotti ben più interessanti. E Avvocata Woo, possiamo dirvi, lo è. La serie è diretta da Yu Yin-sik e scritta da Moon Ji-won, è composta da 16 episodi di 70 minuti, offerti settimanalmente da Netlfix. La protagonista della serie è la giovanissima avvocata Woo che è nello spettro autistico. La ragazza, ha un quozienete intellettivo altissimo, si è laureata con il massimo dei voto all’università e ha subito trovato lavoro in uno dei più grandi studi legali coreani, proprio per per sue grandi capacità. Ma il percorso di Woo non è affatto semplice. E’ autistica e sa bene che per lei, molte cose sono complicate, anche il semplice fatto che un cliente possa accettare di essere seguito da una “avvocata” come lei. Ed è qui che la serie, cerca di andare oltre, offrendoci il punto di vista riflessivo di Woo, quello di suo padre che per anni ha vissuto con una bambina totalmente anaffettiva e distaccata; quello dei colleghi che devono avere a che fare con Woo, e non sempre è semplice vista anche la sua ossessione bonaria per le balene. E quello dei clienti che trovano spesso geniale l’avvocata ma che allo stesso tempo, viste le sue difficoltà di socializzazione, ne sono spaventati ( in altri casi anche parecchio incuriositi). La serie, vi porterà anche a tu per tu con temi molto delicati, si parlerà spesso anche di disturbi mentali e vi inviterà a riflettere anche sulla cattiveria che esiste nel mondo reale e che si amplifica nel mondo virtuale. E Woo sa bene, quanto alcune considerazioni o commenti possano far male, tanto che, nel terzo episodio della serie, arriverà a prendere una decisione molto importante, che potrebbe cambiare per sempre la sua vita lavorativa e non solo.

Il tema dell’autismo nella serie Avvocata Woo

In Italia abbiamo già regalato ascolti di grande successo alla prima stagione di Good Doctor in onda su Rai 1 e poi purtroppo, spostata su altre reti per le stagioni successive. Abbiamo imparato a conoscere le potenzialità di chi da autistico studia per diventare un bravo medico. Questa volta avremo a che fare con la giovanissima Woo che da bambina, ha trovato un solo contatto con suo padre: i libri di legge. Libri di diritto che ha imparato a memoria, libri che le hanno fatto sviluppare la sua genialità, oggi al servizio di tutti. Sarà impossibile non affezionarvi a Woo, ai suoi rari sorrisi, ai suoi gesti goffi ma soprattutto alle sue trovate geniali. Una piccola pecca: al momento la serie non è doppiata in italiano, per cui si può ascoltare solo in lingua originale e seguire con i sottotitoli e questo spesso ci fa perdere espressioni e dettagli, che potrebbero essere importanti.

Extraordinary Attorney Woo è un urlo contro le discriminazioni

Extraordinary Attorney Woo è in generale un invito per tutti, un invito a non considerare l’altro diverso. Che sia autistico, che sia di un altro colore, che soffra di una qualche patologia. Una serie che ci invita anche a contare fino a dieci prima di esprimerci su una persona che non conosciamo ( spesso le persone che incontrano Woo pensano che sia disabile e non concepiscono che possa essere invece una donna autonoma capace di pagare un taxi o prendere da sola una metro).

C’è un episodio nella serie, durante il quale l’avvocata Woo ha a che fare con un ragazzo autistico, molto diverso da lei. Un episodio nel quale è la stessa Woo a riflettere sulla definizione di diverso, su chi è come lei. Hans Asperger, che per primo fece ricerche sull’autismo, sosteneva che “non tutto quello che esce dalle righe, e quindi definito ‘anormale’, deve essere per forza ‘inferiore’”. Ed è proprio vero, ma per la giovane avvocata, dimostrarlo, non è facile. Ne è la dimostrazione questo caso di cui si sta occupando: on line legge che sarebbe meglio vedere un autistico morto, piuttosto che una persona “normale”. E’ coraggiosa la scelta fatta , visto che nella società coreana, si va perennemente alla ricerca della perfezione ( non a caso, sempre nell’episodio in cui un ragazzo autistico cerca di salvare la vita a suo fratello che si è suicidato, i genitori non vogliono che trapeli. Preferiscono che la gente abbia un ricordo positivo dello studente modello e condannare l’imperfetto, il fratello autistico, alla gogna).

Ogni episodi serve per smascherare ipocrisie, per provare anche tramite una serie, a combattere contro le diversità e contro alcune problematiche insite della società coreana ( criticità che riguardano a dire il vero, un po’ tutti i paesi).

Park Eun Bin  vi porterà nel mondo delle sue balene, vi stupirà, vi farà riflettere e forse anche arrabbiare perchè nella sua imperfezione, ci sono anche tanti piccolo difetti. Ma vi piacerà, vi conquisterà. Perchè ama aiutare il prossimo a modo suo, risolvere i suoi casi, rispettare le regole e la legge. Ama fare quello per cui ha studiato, ama il suo lavoro e amerà presto anche una delle poche persone che riuscirà a comprenderla. Perchè si sa, la storia d’amore non può mai mancare e anche Avvocata Woo ce la regalerà, non diversa, ma unica nel suo genere.

One response to “Avvocata Woo è su Netflix: l’imperdibile serie che ci racconta la “straordinaria” Woo

  1. Quella che per qualcuno potrebbe essere una pecca per me è un pregio, seguo tutte le serie asiatiche in originale con i sottotitoli. Le prime volte spesso ci fa perdere espressioni e dettagli che potrebbero essere importanti, ma con l’allenamento si scopre una espressività che sarebbe un peccato perdere.

    Guarderò la serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.