La rinascita di Lorenzo Crespi a Domenica Live: sta bene e spera di tornare a lavorare in Mediaset

Due anni fa proprio in quel di Domenica Live, Lorenzo Crespi aveva raccontato il suo dramma. Aveva condiviso con il pubblico di Canale 5 i suoi problemi di salute, i suoi problemi con il lavoro che non c’era e la “ghettizzazione” alla quale per svariati motivi era stato costretto. Collegamenti con Barbara D’Urso, liti in diretta, buoni propositi e alla fine la decisione di lavorare, chiedendo di essere accolto, nella comunità di Capitan Ultimo. Due anni che hanno cambiato profondamente la vita di Lorenzo Crespi che oggi, nella puntata di Domenica Live in onda il 17 aprile 2016, si mostra in buona salute e carico più che mai pronto a tornare anche a lavorare nel mondo della tv. Lo aveva annunciato da qualche giorno sui social, aveva condiviso con i suoi tanti fan che in questi anni sono stati il suo “bastone” che presto lo avremmo rivisto in forma in tv e così è stato. Un grande ringraziamento a tutti loro che in questi anni virtualmente hanno fatto molto per lui ma un ringraziamento anche alla comunità in cui Lorenzo vive.

“Sto benissimo. Sono guarito completamente, assolutamente sì. Nei momenti in cui sono stati giù, mi è stato vicino Capitano Ultimo e tutti i suoi uomini, non mi hanno mai abbandonato. Sono la famiglia che non ho mai avuto. Se si tagliano loro, esce il sangue a me.”

Queste le parole di Crespi che vorrebbe esprimere tutta la sua gratitudine nei confronti di chi in questo difficile periodo ha fatto di tutto per dargli di nuovo la voglia di guardare avanti con la speranza che la vita possa regalare ancora tanto. Ed è per questo che Lorenzo Crespi sogna adesso un futuro diverso, sogna di poter tornare a lavorare nel mondo dello spettacolo. E annuncia che presto sarà a Mediaset, a Milano. Spera di avere di nuovo un posto nel mondo della fiction, il mondo che tanti anni fa lo aveva accolto e osannato.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.