Voyager-Ai confini della conoscenza il 15 gennaio 2018: la vita segreta delle piante

Come sarà la vita sul pianeta terra tra qualche anno? Dobbiamo prepararci per qualcosa di disastroso o ci sono ancora delle possibilità di avere un mondo diverso e forse anche migliore? Ce lo spiega in qualche modo Roberto Giacobbo con la puntata di Voyager-Ai confini della conoscenza in onda oggi 15 gennaio 2018 su Rai 2. Una puntata molto particolare, il conduttore infatti “viaggerà” all’interno dell’inaspettata vita segreta delle piante. Come è possibile che le piante parlino, giochino e provino emozioni? Quanto siamo interconnessi con questo mondo? Scopriamo maggiori dettagli sulla puntata di Voyager in onda stasera su Rai 2 con le anticipazioni. 
VOYAGER-AI CONFINI DELLA CONOSCENZA: VIAGGIO NELLA VITA SEGRETA DELLE PIANTE- Che cosa  si nasconde nel mondo delle piante? E come sarà l’orto del futuro? Voyager è andato nel New Jersey per raccontare il più grande orto idroponico al mondo, costato 30 milioni di dollari. Si tratta di un orto verticale dove le piante vengono coltivate senza suolo, senza luce solare e senza acqua. Un sistema  che potrebbe consentire di coltivare verdure in condizioni estreme. Ma occorrono investimenti così cospicui per l’agricoltura del futuro?  Il caso italiano della serra Jellyfish mostra il contrario.

ROBERTO GIACOBBO CONTINUA IL SUO VIAGGIO ATTRAVERSO L’ITALIA STRAORDINARIA-Roberto Giacobbo prosegue poi il suo viaggio di racconto e di ricerca con Voyager durante il quale da oltre due anni vengono raccontati i luoghi più belli del nostro paese e le storie degli uomini che lo hanno reso unico. Si è così arrivati alla quinta serie consecutiva  di “Italia straordinaria” che ha permesso al programma di rinnovarsi ulteriormente e di raggiungere nuovi consensi e record di ascolti. Qual è il primo parco archeologico istituito in Italia? E quale sito italiano è stato per primo proclamato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco? Voyager va in Lombardia, alle spalle dell’Adamello, nella misteriosa Valcamonica, una terra abitata da antichi uomini che hanno lasciato 350 mila graffiti sorprendenti scolpiti nella roccia. Un tesoro poco conosciuto e unico al mondo. Chi ha realizzato tutto questo? E perché?

A Londra, infine, le telecamere di Voyager hanno raggiunto Whitechapel, il quartiere dove Jack lo Squartatore ha colpito con violenza inaudita nell’autunno del 1888. Perché tanta ferocia? E perché  il primo serial killer della storia non è mai stato identificato? Voyager fornisce nuovi dettagli sui delitti e sui sospettati, e il cerchio si stringe intorno ad un nome e ad un volto preciso.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.