Violante Placido a Vieni da me racconta gli episodi di bullismo da cui è fuggita (Foto)

Violante Placido a Vieni da me ha raccontato di un periodo in cui da bambina ha subito atti di bullismo, ha sofferto, è stato un periodo difficile da superare ma alla fine si è imposta con sua madre e ha scelto per conto suo (foto). Violante si riferisce a quando aveva 11 o 12 anni, sua madre che adorava viaggiare la portò con lei a Los Angeles, città meravigliosa ma per lei era un cambio di vita incredibile. Si ritrovò in una scuola nuova con bambini che non stati molto accoglienti: “Sono stata messa anche in disparte. Era la fine degli anni ’80 ma i bambini americani erano già diversi, le bambine si rasavano le gambe, si facevano le permanenti, io ero un pesce fuor d’acqua e loro se ne accorgevano. Ho subito un po’ questo isolamento e legavo con altri bambini isolati”. Tornò in Italia da sola durante le vacanze di Natale, chiamò sua mamma e le disse che l’aspettava a Roma, voleva tornare nella sua scuola con i suoi amici. In America le facevano i dispetti di continuo: “I bambini possono essere maligni”. Quattro mesi di sopportazione e poi addio Los Angeles.

VIOLANTE PLACIDO OSPITE DI CATERINA BALIVO

E’ la figlia di due personaggi famosi e tante volte l’abbiamo vista con il suo papà. Racconta che Michele Placido non è mai stato un papà severo ma poi da regista ha recuperato alla grande pretendendo molto da lei. E’ sempre bellissima Violante Placido, lo è in ogni immagine che mostra Caterina Balivo. Dalla sua passione per il canto alla partecipazione al festival di Sanremo. Attrice di gran talento, mamma del suo bellissimo Vasco che saluta perché sa che la sta guardando.

La vedremo stasera su Rai 1 nella fiction su Enrico Piaggio, sarà tra i protagonisti per raccontare con Alessio Boni, Roberto Ciufoli e Francesco Pannofino la storia dell’imprenditore italiano che ideò la vespa.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.