Vittorio Sgarbi a Io e Te non trattiene l’emozione per la morte di Giulio Giorello


E’ forte l’emozione che vive oggi Vittorio Sgarbi a Io e Te, confida subito che non sta bene: “Oggi non sto particolarmente bene, Abramo Orlandini è ammalato, è all’ospedale di Reggio Emilia e poi è come se fosse morta una parte di me perché ieri pomeriggio prima che io potessi aprire il Teatro di Ferrara è morto Giulio Giorello”. E’ commosso Vittorio Sgarbi, trattiene con fatica le lacrime mentre legge parole di altri dedicate al caro amico che non c’è più. A Diaco e al pubblico di Io e Te racconta di non avere pianto molte volte nella sua vita. Ha pianto per lo zio a cui era molto legato ed è ovvio il dolore che ha provato per i suoi genitori ma sottolinea che è stato diverso perché era una morte inevitabile, un dolore inevitabile. Avrebbe invece voluto che Giulio Giorello non morisse mai, aveva 75 anni, era ancora troppo giovane ma non solo d’età, era un eterno giovane.

VITTORIO SGARBI: GIULIO TORELLO ERA GUARITO DAL CORONAVIRUS

“Non ho pianto molte volte, per i miei genitori è stato un dolore inevitabile, una morte inevitabile. Mia mamma aveva 89 anni, papà 97 e l’ho visto morire. Stavo partendo per Mosca e ho capito che sarebbe morto quando sarei tornato dal viaggio”.

Parla ancora di Giorello e si commuove ancora una volta: “Era veramente un ragazzo di 75 anni, giovanissimo e con grandi pensieri, grandi idee, non doveva morire. Abbiamo l’ultimo nostro libro scritto insieme, un libro su Dio. Era ricoverato per coronavirus, dieci giorni fa è uscito e ha fatto in tempo tre giorni fa a sposare la sua compagna. Credo sia morto per problemi al cuore, di certo affaticato dal coronavirus. Quando ieri mi è arrivato il messaggio di mia sorella…” si commuove ancora, Diaco cambia argomento. 

Ultime Notizie Flash su Instagram

Leggi altri articoli di Programmi TV

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close