Alba Parietti aveva paura di avere la stessa malattia della madre (Foto)

A Oggi è un altro giorno Alba Parietti rivede le immagini di sua madre, racconta della malattia, della paura di ammalarsi come lei (foto). Mamma Graziella era bipolare, non è la prima volta che Alba Parietti ne parla ma è sempre forte la sua emozione quando confida cosa ha fatto da bambina. Non ha mai avuto una diagnosi sua madre, lei l’ha dovuto capire presto che la mamma non stava bene. Era una donna dolcissima che aiutava gli altri e viveva di poesia e musica ma in un attimo si trasforma e diventata cattiva, ingestibile, un’altra persona. Tante volte Alba si è sentita accusare di cose orribili dalla donna che l’aveva messa al mondo. Lei negava, era tutto falso ma un giorno decise di dire a sua madre che aveva ragione, che aveva fatto qualcosa di male. E’ una reazione che si porta ancora dietro. Ancora oggi se qualcuno mette in dubbio qualcosa su di lei Alba non discute, si tira indietro, non spiega. Non desidera piacere a tutti e non fa niente per piacere a tutti. Si emoziona raccontandolo pur restando sempre molto lucida in quei ricordi che fanno male.

ALBA PARIETTI PARLA DELLA SCHIZOFRENIA DI SUO ZIO

Aveva paura di avere gli stessi problemi di sua mamma anche perché anche suo zio lo ricorda ricoverato in manicomio per schizofrenia. Erano gli anni in cui le malattie mentali si trattavano con spaventosa violenza. Suo padre ha invece sempre protetto la mamma, ha fatto in modo che la sua malattia restasse in casa, che non fosse mai ricoverata.

La sua mamma era colta, intelligente ma l’ha capito solo quando non c’era più e trovando i tantissimi diari che non sapeva scrivesse. Lo stesso faceva suo zio, anche lui era molto sensibile, colto, filosofo. Purtroppo quelle malattie non si curavano come si fa oggi, come si deve fare oggi. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.