Giorgia Soleri: “Non ho ancora perdonato mio padre”

giogia soleri padre

Giorgia Soleri si racconta nel modo più semplice, a Oggi è un altro giorno confida cosa è racchiuso nel suo libro “La signorina nessuno”, oltre le poesie. C’è anche il perdono che non è ancora riuscita a trovare in se stessa per suo padre. Lui non lo sa, forse non ha ancora capito perché Giorgia ha sofferto, perché attribuiva a lui la colpa del divorzio dei suoi genitori. Giorgia Soleri non finge che dopo anni di psicoterapia ha risolto tutto, è un percorso lungo che anche la sua malattia ha reso molto più complicato. Racconta della rabbia che ha provato quando i genitori si sono separati, quando hanno divorziato.

Giorgia Soleri a Oggi è un altro giorno

“Ho provato rabbia nei confronti di quello che mi sembrava il colpevole. Mio padre non stava bene, aveva problemi a livello psicologico…” ma questo non le basta ancora oggi a perdonare, ha sofferto, ha compreso ma il perdono non è ancora arrivato.

“Ho imparato che anche chi ci ferisce a volte è vittima, lui stesso lo era di dinamiche che metteva in atto pur essendo malsane. Non l’ho ancora perdonato perché la rabbia è tanta ma ora mi rendo conto che la colpa non era sua”. Leggendo la dedica sua figlia nel libro il papà di Giorgia Soleri le ha detto: “Non ho capito cosa mi devi perdonare ma va bene così…”. Chissà quanti si riconosceranno in questo racconto di vita vera. Giorgia frequenta suo padre, i figli che ha avuto con la sua compagna ma il perdono è difficile.

Racconta di sua madre, di quanto somiglia a lei, così battagliera. Mamma Loredana ha avuto il cancro, tre volte, uno così grave che i medici le avevano dato 6 mesi di vita. Ha superato tutti i tumori, sta bene. Sua madre ha cercato di proteggerla quando le dissero che aveva un cancro che non le lasciava speranze… Giorgia aveva solo 16 anni e le raccontò tutto solo dopo la guarigione. Le volte successive invece la Soleri era più grande e ha fatto tutto il possibile per stare accanto alla mamma.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.