Jessica Selassiè la migliore vincitrice per la peggiore edizione del Grande Fratello VIP

jessica selassiè

Oggi grandi elogi a un programma che non è mai andato oltre i 4 milioni di spettatori, anzi, che è stato capace di toccare anche punte horror di spettatori ( e se non fosse per la durata esagerata con chiusura alle 2 di notte, anche lo share sarebbe ben sotto il 20 %). Si la finale del Grande Fratello VIP 6 ha fatto un punto in più di share rispetto allo scorso anno, la proclamazione del vincitore ha toccato punte del 55% ma possiamo parlare davvero di un successo? Possiamo davvero parlare di un programma bello da vedere? E ci dimentichiamo che si è perso quasi un milione di spettatori rispetto allo scorso anno? Ma se anche volessimo dimenticare gli ascolti, che non sempre sono sinonimo di qualità e lo ripeteremo da qui alla fine dei nostri giorni, parlando di contenuti, dobbiamo davvero pensare che questa sesta edizione del Grande Fratello VIP sia stata degna di una rete ammiraglia, che si vanta di aver fatto pulizia, di un conduttore che rifiuta un certo tipo di televisione, dal quale prende le distanze, ma poi è il manifesto di tutto quello che non si può e non si deve vedere in una prima serata? Perchè questa, parliamoci chiaro, è stata la peggiore delle peggiori edizioni viste negli ultimi anni su Canale 5.

Jessica Selassiè la migliore vincitrice per il Grande Fratello VIP 6

Ed è in questa ottica che non ci poteva essere che vincitrice migliore. Una sconosciuta, Jessica Selassiè, che è stata educata, abbastanza rispettosa sempre di tutti, che si è spesa per tutti, tra fornelli e consigli. Che ha fatto quel benedetto percorso di cui sempre si parla in un programma di questo genere. Che non ha mai nascosto la sua voglia di vincere, di farsi conoscere per arrivare a diventare qualcuno, e ambire poi a ben altro. Una sconosciuta. Una vip non vip, come succede sempre più spesso nei reality in cui si fa un cast apparentemente di super vip, ma che poi porta in casa 3-4 pezzi da novanta, e tutto il resto è noia. Così noia che ieri, nel video iniziale che ha riassunto i 6 mesi nella casa del Grande Fratello VIP 6, alcuni vipponi non sono stati neppure mostrati. Ed è già tanto se i vicini di casa di questi concorrenti li conosceranno, visto che molti di loro non si vedono in tv da praticamente 5 mesi e mezzo. Non erano vip prima del GF VIP, non lo sono neppure adesso dopo questo bagno di popolarità, per alcuni, doccia fredda.

Jessica Selassiè avrebbe meritato la vittoria, anche solo per aver sopportato sua sorella Lulù per sei mesi. Si è sentita dire la qualunque ( pare sia abituata ma almeno nella vita reale, può alzare il lato b e andare a cena fuori, al cinema, in palestra). Dopo il lockdown e questi sei mesi, intorno alla testa di Jessica si vede una grandissima aureola. Jessica ha meritato la vittoria anche per una personale rivincita sul conduttore. Alfonso Signorini potrà continuare a dire all’infinito di voler bene alle tre sorelle ma era palese e chiaro a tutti, quello che provasse in realtà per le tre. Le ha sempre messe in difficoltà, non da ultimo, anche nel corso della finale, ha mostrato le clip sulle loro litigate, augurandosi che alla fine i nervi sarebbero saltati. Ma Jessica, nella semifinale e nella finale, non gli ha concesso nessuna soddisfazione. Si è fatta una bella risata, ben consapevole che poche ore dopo, sarebbe stato Manu il nuovo eroe, vittima di Lulù. Perchè farsi il sangue amaro. Se lo sarà fatto chi ha cercato di sporcare il percorso delle tre principesse, e Clarissa e Lulù ci hanno messo del loro. Tra sceneggiate e insulti via social ( per la principessa fuoriuscita costretta persino a scusarsi) Lulù e Clarissa si sono “scavate” da sole la fossa. Certo è che da sconosciute, tutte e tre hanno comunque lasciato il segno molto di più di altri vipponi che pensavano di essere qualcuno ( e se lo fossero realmente non sarebbero costretti a partecipare a un relaity, ma avrebbero un lavoro diverso).

Con Jessica trionfa anche tutto il pubblico che ha fatto convergere su di lei i voti. Il pubblico stanco del trattamento no equo riservato ai concorrenti, dei favoritismi del conduttore e delle opinioniste ( in particolare della Bruganelli, inqualificabile per il suo tifo da stadio verso Soleil Sorge, sua protetta). Un pubblico così stanco dell’amore libero che ha scelto di vedere amore dove non c’era nulla, tra Jessica e Barù che a quanto pare hanno fatto emozionare di più di tutte le copie fake e non fake nate in questa edizione.

Il Grande Fratello VIP 6 aveva tutte le premesse sulla carta per essere un reality da seguire: con Manuel Bortuzzo e la sua storia, con Aldo Montano e il suo esempio, con delle mamme pronte a tutto pur di riprendersi l’indipendenza ed essere donne che lavorano per i loro figli. In poco tempo tutto questo è stato cancellato: è diventato il reality degli insulti razzisti, delle frasi imbarazzanti, dei provvedimenti non presi. Di un conduttore che ha fatto una serie di scivoloni di cui si è parlato ovunque senza che mai arrivassero le sue scuse. Cadute di stile, pessimi modelli, pessimi esempi. E sia chiaro: il GF VIP non è un programma che va mostrato ai bambini, è evidente, ma è quasi urticante anche per gli adulti. A tratti imbarazzante. Ci sono stati momenti vergognosi, momenti in cui ci siamo tutti chiesti: “ma lo sta dicendo davvero, ma lo sta facendo davvero”? E non parliamo dell’amore libero del Belliful, quella è stata la cosa più pura di questa edizione. Il Grande Fratello VIP 6 ha regalato ben poche emozioni, amicizie, amori. E pensare che la settima edizione, vedrà ancora lo stesso conduttore al timone, ci fa giù venire i brividi.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.