Il carabiniere Giuseppe Giangrande positivo al coronavirus: era stato ferito nell’attentato davanti palazzo Chigi

Anche il Carabiniere Giangrande positivo al coronavirus: le ultime notizie

Oggi non possiamo che fare il tifo per Giuseppe Giangrande dopo la diffusione della notizia riguardo le sue condizioni di salute. In questi ultimi anni abbiamo imparato a conoscere Martina, la figlia di Giuseppe che si è presa sempre cura del suo papà dopo l’attentato in cui è rimasto ferito. Era il 2013 quando il carabiniere Giangrande veniva ferito davanti Palazzo Chigi. Da quel momento tanta riabilitazione e la lotta per riprendere la vita in mano. Oggi un’altra notizia che, come ha raccontato Martina, è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Giangrande infatti è risultato positivo al test del coronavirus.

GIUSEPPE GIANGRANDE POSITIVO AL CORONAVIRUS: LE ULTIME NOTIZIE

Il militare di Monreale, da anni residente a Prato, è ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Careggi Firenze e sarebbe in buone condizioni. A confermarlo la figlia Martina, che dal giorno dell’attentato si occupa di lui: “E’ stato un fulmine a ciel sereno – spiega la giovane che è in isolamento a casa – ora dovrò stargli vicino in un modo diverso. Non è intubato e la febbre sta scendendo, a denti stretti mi dico che forse il peggio per lui è passato”.

Anche Martina è in quarantena e si prepara per il ritorno a casa del suo papà.

Come riferisce La Nazione, era stata proprio Martina ad accompagnare Giangrande in ospedale, per altri controlli; venerdì erano andati insieme a Careggi per un controllo medico che prevede una degenza di alcuni giorni. Comparsi i sintomi febbrili l‘uomo è stato sottoposto al tampone, risultato positivo. “Già lunedì – spiega ancora Martina Giangrande – intuendo l’eventualità del pericolo abbiamo comunque ridotto all’osso i nostri contatti”.

Facciamo il nostro più grande in bocca al lupo al carabiniere e gli auguriamo di rimettersi in forma il prima possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.