Smartphone, tablet e pc rovinano la schiena: ecco perché

Ormai praticamente tutti fanno un uso quotidiano di dispositivi elettronici quali smartphone, tablet e pc. Molte persone però non sano che essi spesso rovinano la schiena. Perché? Il problema interessa soprattutto persone di giovane età, bambini e ragazzi. L’uso di smartphone, tablet e pc sta facendo emergere in queste fasce d’età problematiche prima inesistenti, quali ad esempio dolori al collo, alla schiena, ecc. A causare problemi di questo tipo sono le posture sbagliate assunte.

Uno studio effettuato in Galles presso il centro ospedaliero dell’università Abertawe Bro Morgannwg ha fatto emergere una terribile verità: il mal di schiena emerge nei bambini a partire già dai 7 anni d’età. E così l’uso di smartphone, tablet e pc oltre ad aver modificato molte abitudini dei giovanissimi, rovinerebbe anche la schiena dei ragazzi, provocando dolori causati da una postura scorretta. Tali tecnologie sono ormai diffusissime e inarrestabili. Ciò che va fatto è insegnare ai ragazzi la postura adeguata da tenere quando si fa uso di questi aggeggi elettronici.

Non è la prima volta che l’uso di smartphone, tablet e pc è sotto accusa soprattutto per quel che concerne le abitudini di bambini e adolescenti. Oltre a rovinare la schiena, molti ritengono che possono far male agli occhi, data l’esposizione prolungata, ma soprattutto alle relazioni sociali. Ormai molti adolescenti preferiscono passare le giornate dietro ad un pc a chattare con le persone piuttosto che uscire ed instaurare rapporti fisici diretti.

Insomma, la tecnologia è la benvenuta purché non faccia male a chi ne usufruisce. Purtroppo molti genitori regalano uno smartphone ai figli fin da piccolissimi, già alle elementari. E’ così che emergono abitudini sbagliate sotto vari punti di vista, sulle quali si deve intervenire per far sì che si impari ad usare tali apparecchi elettronici nella maniera giusta.

Cosa ne pensate del fatto che smartphone, tablet e pc possono rovinare la schiena?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.