Una mela al giorno salva 8.500 vite all’anno


“Mangiare una mela al giorno toglie il medico di torno” e pare sia proprio vero: un recente studio realizzato da un gruppo di scienziati dell’Università di Oxford ha messo in evidenza come mangiare questo straordinario frutto possa, di fatto, evitare ben 8.500 morti l’anno a causa di infarti ed ictus. La notizia è riportata da diversi media – fra cui il Corriere della Sera – e pare, quindi, che i benefici della mela siano ormai innegabili e che il famoso detto abbia un reale fondamento.
Sono già anni che si parla delle proprietà benefiche di questo frutto, ma mai nessuno aveva elaborato in numeri le vite salvate dall’assunzione di quello che potremmo definire un frutto “magico”. I vantaggi dal cibarsi di almeno una mela al giorno deriverebbero dalle proprietà antiossidanti capaci di favorire la motilità intestinale e di combattere l’invecchiamento della pelle, oltre che essere di aiuto per quanto riguarda la salute cardiovascolare, dato che le mele contribuiscono – tramite i flavonoidi – a tenere a bada il colesterolo LDL, che è il responsabile delle malattie cardiovascolari. Ma non finisce qui, perché lo studio inglese spiega che seguire un’alimentazione sana, ricca di verdure e di frutta fresca, non ha nulla da invidiare alle capacità dei farmaci: si può dire, infatti, che seguire uno stile di vita corretto è la chiave principale per prevenire e curare, in quanto un’alimentazione sbagliata renderebbe persino inutili i medicinali stessi.

Ancor di più, se si hanno più di 50 anni, bisogna prendere seriamente in considerazione l’assunzione di almeno una mela al giorno, visto il rischio maggiore di malattie cardiovascolari. Adam Briggs – a capo della British Heart Foundation Health Promotion Research Group dell’Università di Oxford – ha spiegato che dalle statistiche, purtroppo, si evince che soltanto un terzo della popolazione britannica segue una dieta corretta ricca di frutta e verdura.


Leggi altri articoli di Benessere e Tempo Libero

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close