Disturbi del sonno? Potrebbero insorgere tumori


Se soffrite di disturbi del sonno, fate molta attenzione a riposare bene: chi non dorme bene, infatti, sembra rischi maggiormente l’insorgere di tumori. Secondo una recente ricerca, i disturbi del sonno porterebbero ad un acceleramento della crescita di tumori.
Secondo quanto riportato da uno studio, ci sarebbe una relazione tra il sonno interrotto ed il verificarsi della presenza di cancro: “Il sonno frammentato cambia il modo in cui il sistema immunitario affronta il cancro rendendo la malattia più aggressiva“, a dirlo sono alcuni scienziati dell’Università di Chicago, che hanno portato a termine il primo studio che dimostrebbe, effettivamente, la correlazione tra il sonno disturbato e l’insorgere di tumori.

A dirigere la ricerca è stato David Gozal, esperto nel campo dei problemi legati ai disturbi del sonno, che ha messo a punto lo studio insieme ad alcuni ricercatori delle Università di Chicago e di Louisville – negli USA – svolgendo diversi esperimenti in merito al sonno sui topi; esperimenti che hanno messo in evidenza come la cattiva qualità del sonno influisca direttamente sul sistema immunitario: lo studio si è svolto su alcuni topi ed i ricercatori hanno visto come la crescita del cancro fosse rallentata nei topi che avevano riposato bene.


Prendetevi cura della qualità e della quantità del vostro sonno, come vi prendete cura del vostro conto in banca“, ha dichiarato il professore Gozal. Gli studiosi fanno notare come esista una maggiore prevalenza di disturbi del sonno e del cancro tra la le persone di mezza età e negli anziani. La ricerca è stata pubblicata anche su “Cancer Research“. Adesso gli scienziati si concentreranno sullo studio dell’influenza del sonno sulle metastasi, oltre che sulla resistenza del cancro alla chemioterapia.


Leggi altri articoli di Benessere e Tempo Libero

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close