Facebook, é la causa di anoressia e bulimia?

Facebook è uno dei più diffusi social network ma quanto ci fa bene? O meglio, quanto fa bene a chi ne fa un uso sconsiderato? Secondo uno studio dell’Università Haifa molte adolescenti che utilizzano facebook sono molto spesso vittime di disturbi alimentari. Passando troppe ore su facebook si potrebbe cadere nel tunnel della bulimia o dell’anoressia. Perchè? Navigando sul web potrebbe sentirsi fortemente insoddisfatte del loro aspetto e insicure del loro modo di essere.L’ Università di Haifa ha condotto uno studio  su circa 250 adolescenti dai 12 ai 19 anni. Ha cercato di scoprire quali sono le abitudini: come si usano i social network e quello che si cerca navigando sul we. E’ stato chiesto loro quante ore passano davanti allo schermo del pc e quanto tempo dedicano al loro profilo su facebook.  E’ stato chiesto loro anche che cosa guardano in tv e quali generi di programmi raccolgono il loro interesse. Insomma si è cercato di capire anche quali siano i modelli che oggi gli adolescenti prendono come punto di riferimento.

Emerge che le ragazze in particolare non si rivedano più nelle persone che frequentano il mondo dello spettacolo. Modelle troppo magre a attrici sotto peso metterebbero in crisi il loro modo di essere. Inoltre dai risultati è emerso che quanto più si passasse del tempo su facebook e davanti alla tv tanto più si era vittime di disturbi alimentari. Ma perchè  Facebook fa male?

A questa domanda risponde l’esperta di disturbi alimentari Maria Malucelli. ” Facebook fa male perché è comunque una comunicazione falsata. Non c’è un vero contatto umano, pur essendo un mezzo che consente un approccio più attivo ai modelli proposti rispetto alla televisione”.

E intanto Vogue lancia la campagna ai siti pro anorresia. Facebook da solo non pù fare la differenza…Ma questa è un’altra soria…

One response to “Facebook, é la causa di anoressia e bulimia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.