Carne artificiale per sconfiggere fame nel mondo e inquinamento

Il problema della fame nel mondo preoccupa e attanaglia milioni di persone, ma da oggi qualcosa potrebbe cambiare. La soluzione arriva da Londra precisamente da una ricerca condotta dal professor Mark Post della Maastricht University. Gli scienziati hanno creato in laboratorio della carne artificiale. Questo è stato possibile grazie alla coltivazione di migliaia di cellule staminali animali che sono stimolate a produrre tessuti muscolari. Fra sei mesi sarà pronta la prima salsiccia in provetta. Oggi il suo aspetto è abbastanza lontano dall’originale, infatti, per nulla invitante. Al momento il tessuto che è stato creato ha un colore grigio e molliccio, ma gli scienziati confidano che in poco tempo potrà assomigliare a quella vera. L’arrivo della carne artificiale potrebbe risolvere non solo il problema della fame, ridurre in maniera consistente l’inquinamento atmosferico e salvaguardare le varie specie animali.
Oggi i costi per riprodurre questo tipo di carne artificiale sono molto alti, 220 mila euro per un hamburger. Ma il professor Post rassicura dicendo che una volta prodotta su scala industriale il prezzo diventerebbe uguale a quello attuale. Invece dovremmo aspettare ancora una ventina di anni prima di ritrovare hamburger o salsicce artificiali nei nostri supermercati. Ma lo strano colore non è l’unica mancanza della carne artificiale, le grosse perplessità sono sul sapore, per ora nessuno ha potuto assaggiarla perché la legge vieta di consumare materiale creato in laboratorio da tessuti animali.
Alcuni scienziati risolveranno questo problema creando un nutrimento sintetico per le cellule staminali che restituirà a queste salsicce in vitro il gusto della vera carne. La OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), ha già previsto che entro il 2050 il consumo di carne raddoppierà. Questo annuncio ha creato nel Professor Post la certezza che il prodotto ottenuto in laboratorio sarà la chiave giusta per ridurre la mancanza di cibo su una popolazione in costante aumento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.