Tumore al seno, mastectomia: si può avere un capezzolo nuovo

Dopo un tumore al seno, con conseguente mastectomia, le donne potranno finalmente avere un capezzolo nuovo. Coloro che hanno subito questo intervento, potranno infatti riavere un capezzolo del colore di quello originario. A trovare questa soluzione, è stata l’estetista veneziana dermopigmentatrice Rita Molinaro, la quale si è impegnata negli anni a trovare il metodo migliore per ridare, alle donne sottoposte a mastectomia, un capezzolo nuovo, con la micro pigmentazione clinica. Grazie a questo studio, le è stato riconosciuto il premioRoma International Estetica 2013“. Per quel che concerne la zona del seno areola-capezzolo di donne sottoposte a mastectomia, l’estetista dermopigmentatrice ha messo a punto una procedura di dermopigmentazione sicura, grazie anche alla collaborazione con la sezione trevigiana della Lilt, cioè la Lega italiana per la lotta ai tumori, e con il Centro di senologia e l’Unità Operativa di Chirurgia Plastica dell’Azienda Usl 9 di Treviso.

Riuscire a ricreare un capezzolo nuovo a seguito della mastectomia, è un traguardo importante. Le donne sottoposte all’intervento, oltre al trauma del tumore al seno, si ritrovano spesso a fare anche i conti con un aspetto fisico che crea loro problemi a livello sessuale e psicologico. Riuscendo a ridonare al seno più o meno l’aspetto che aveva prima, si dà quindi un grande aiuto a queste donne.

E’ importante però cercare di scoprire in tempo la presenza di un tumore al seno, attraverso visite frequenti. Da rilevare al riguardo è l’iniziativa made in USA denominata Boobstagram usa. Attraverso internet, alcune donne mostrano il loro seno seguendo questo slogan: “mostrare le tue tette sul web è buono, ma farle vedere al tuo dottore è meglio“.

Il tumore al seno può essere sconfitto, è solo importante tenersi sotto controllo, affinchè venga diagnosticato in tempo. La nuova tecnica di dermopigmentazione del capezzolo, renderà sicuramente meno traumatico un intervento molto difficile, quale quello della mastectomia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.