Il primo trailer italiano per Tango Libre (VIDEO)

La prossima settimana sarà nei nostri cinema il film Tango Libre del regista Frédéric Fonteyne. Ecco il trailer italiano

Dopo i film Una relazione privata e La donna di Gilles, il regista belga Frédéric Fonteyne chiude la sua trilogia dedicata all’universo femminile con la sua nuova pellicola Tango Libre, che sarà la prossima settimana in tutte le nostre sale.

La pellicola è stata presentata al Festival del Cinema di Venezia nel 2012 e si è aggiudicato il premio Orizzonti. Tango Libre è una commedia dal retrogusto amaro e dai toni drammatici che si regge sui temi della passione. La donna protagonista di questo film è vista attraverso gli occhi innamorati di una guardia carceraria che mentre al lavoro si occupa di detenuti, tra cui un amico di quest’ultima, il tempo libero lo passa a ballare il tango proprio con lei; uno spirito libero che vive con passione la sua vita. Nel cast del film troveremo François Damiens, Sergi López, Jan Hammenecker, Anne Paulicevich e Zacharie Chasseriaud.

Ecco a voi la sinossi ufficiale e il primo trailer italiano di Tango Libre, nei nostri cinema a partire dal 13 febbraio 2014:

JC è una guardia carceraria, un uomo qualunque con una vita tranquilla. Il suo unico lusso è un corso di tango che frequenta una volta alla settimana. Una sera, al corso, balla con una nuova venuta, Alice, una radiosa trentenne madre di un ragazzo di quindici anni.

Il giorno dopo rivede Alice, questa volta nella sala-visite della prigione. La donna è lì per vedere due reclusi, Fernand e Dominic, suoi amici di lunga data e “soci nel crimine”. L’uomo qualunque JC si trova spettatore dell’avventurosa vita di questa donna non qualunque: una donna che vive secondo il proprio desiderio e le proprie regole, divisa fra i suoi uomini e il figlio. Il regolamento carcerario proibisce l’amicizia con le famiglie dei prigionieri… JC sta per infrangere tutte le regole su cui poggia la sua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.