USA 2016: Madonna suona per Hillary e le canta a Trump


Una vigilia del voto molto attesa quella di ieri sera a New York, tanto che la popstar Madonna ha deciso di raccogliere i suoi fan e i fan di Hillary Clinton a Washington Square al fine di tenere un concerto di sostegno per la candidata democratica. Le ultime notizie sulle elezioni americane 2016 ci raccontano di un esito ancora incerto, e anche per questo motivo cresce l’ansia tra i sostenitori dell’uno e dell’altro fronte.

A dire il vero, l’ansia più forte si fa sentire sul fronte democratico: Hillary Clinton non ha mai convinto appieno i democratici americani, buona parte dei quali sceglierà di votare per il male minore (vi ricorda qualcosa?). E’ la paura per la vittoria di Donald Trump, invece, che esalta l’orgoglio patriottico americano e spinge le star alla “chiamata al popolo”. 


E’ quello che ha fatto proprio ieri sera Madonna: in un post su Facebook, infatti, la popstar italo-americana ha chiamato a raccolta i sostenitori di Hillary Clinton a Washington Square per le 19.30, dove ha tenuto un piccolo concerto, cantando cinque canzoni. Con indosso un berretto su cui campeggiava la bandiera a stelle e strisce e armata di chitarra, Madonna ha suonato alcuni dei suoi brani più famosi tra cui “Like a Prayer” e “Rebel Heart“, incitando i suoi fan a recarsi alle urne per salvare l’America.

“Votate con il cuore, votate con la mente, votate con il vostro spirito, votate con la vostra anima”, ha affermato la cantante, come fosse il nuovo motivetto di una canzone. Quindi ha concluso invitando a votare per “Hillary Rodham Clinton” al fine di “mantenere l’America il grande paese che è“.

Alla fine del concerto a sorpresa, Madonna ha abbracciato forte il figlio e ha dato appuntamento ai suoi fan per il giorno dopo (stasera) in occasione dei festeggiamenti per la vittoria di Hillary Clinton. Nella speranza che gli ultimi sondaggi sulle elezioni USA 2016 non vengano smentiti.


Leggi altri articoli di News Musica

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close