Amedeo Minghi in ospedale con mascherina e voce rotta dal pianto: “Sapervi al mio fianco è importante”

Amedeo Minghi è ricoverato in ospedale. Questa mattina sulla pagina Fb di Minghi, circa un’ora fa, è comparso il video del cantante, mentre con mascherina e voce moltoaffaticata saluta tutte le persone che gli sono state accanto e gli stanno accanto. Una diretta durante la quale il cantante spiega che cosa sta succedendo.

Non solo difficoltà nella voce, mentre parla con le persone che lo seguono, Amdeo Minghi a un certo punto sembra avere anche gravi problemi agli occhi, tutti i classici sintomi, purtroppo, del coronavirus. E’ bene però precisare che il cantante nella sua diretta, che è durata circa 6 minuti, e che potete rivedere sulla sua pagina Fb, non ha mai parlato del coronavirus come del motivo per il quale è ricoverato in ospedale.

Il cantante ci tiene a fare questa diretta, come specifica nel suo discorso, per spiegare i motivi della sua assenza e per rispondere ai tanti fans che in questi giorni si sono chiesti che fine avesse fatto.

AGGIORNAMENTO-Amedeo Minghi fa sapere di essere in ospedale solo per accertamenti.

LACRIME IN DIRETTA SUI SOCIAL PER AMEDEO MINGHI: LO SFOTO DALL’OSPEDALE

Nel video vediamo Amedeo Minghi che con la voce piuttosto affaticata, spiega: “Questa mascherina è per il coronavirus, bisogna sempre stare attenti. Che grande piacere stare di nuovo assieme su questa pagina che avete sempre amato, una pagina bella, con tante storie bellissime, con tanto amore vissuto, nella nostra storia e spero possa ovviamente continuare. Questa diretta è soprattutto per scusarmi con voi per aver ritardato così tanto a riaprire questo dialogo interrotto così a lungo nel tempo, ma sapete quelli come me un po’ così, un po’ da risonanza magnetica hanno sempre avuto dei problemini e magari cadono in un brutto, triste autolesionismo che poi colpisce le persone che amiamo di più, questo è importante sottolinearlo e quelle sono quelle che da questo tipo di comportamento ci rimettono di più. Sapervi accanto per me è importante“.

E ancora:

Siamo pochi, giustamente, avete detto basta, ti abbiamo scritto, aspettato, cercato quindi alla fine giustamente avete ritenuto opportuno andarvene da qualche altra parte, prima c’erano gli annunci con tantissimi di voi che partecipavano, ora ho visto, sempre di meno. Poi le lacrime cadono e adesso le vostre lacrime più quelle del caldo, del sudore… La sostanza è questa, che siamo tornati, ci vogliamo stare, vi vogliamo essere, come prima o più numerosi”.

L’appello finale: “Questa sorta di autolesionismo deve finire. Io vi penso, spero che torniate numerosi su questa pagina per rivivere insieme le emozioni che sempre abbiamo condiviso, incontri, firmacopie, riprendere il filo del discorso che io ho interrotto e che voglio recuperare. Spero di rivedervi, anche con modalità diverse dal passato, piango di lacrime di emozioni”.

Ad Amedeo Minghi da parte nostra i migliori auguri per una pronta guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.