Aiello a Sanremo 2021 con Ora: testo e significato del brano

Dopo lo strepitoso successo di questa estate, Aiello è pronto per il salto di qualità. Il grande debutto al Festival di Sanremo 2021 con il suo brano Ora e un nuovo disco presto in arrivo dal titolo Meridionale. Un successo travolgente quello che ha sconvolto la vita del cantante calabrese. Un riconoscimento di un lungo lavoro di ricerca che lo ha portato sul palco di Sanremo 2021 con la sua “Ora”. Una canzone che sembra essere in qualche modo anche una sorta di confessione, che ci porta a conoscere meglio Antonio. Lo stesso cantante ha spiegato in una sua recente intervista per Verissimo, che nei suoi brani ci mette tanto del suo, della sua vita, a volte forse, anche troppo. E’ successo anche con Ora?

Aiello a Sanremo 2021 con Ora: ecco il significato del brano

Oggi single, Aiello si gode la sua vita tra Roma e Cosenza, dove torna quando può anche per stare con la sua famiglia. Si gode il ruolo di zio, ama moltissimo il suo adorato nipotino e la persona più importante della sua vita è suo fratello. E’ single dicevamo, ma la canzone Ora sembra proprio parlare di una storia d’amore finita male, tra il rimpianto di quello che si poteva essere, e la presa di coscienza del cambiamento. Ma in qualche modo si resta sempre legati a un passato che fa ancora male. Lo si capisce leggendo il testo, mentre si vive il presente con un’altra donna, c’è il ricordo di quella che è stata importante, l’altra che adesso sta con un altro. Ma è solo un ricordo che brucia ancora per una ferita aperta o la paura di essere nuovamente delusi e soffrire come è successo in passato?

Il testo di Ora il brano di Aiello a Sanremo 2021

ORA
di A. Aiello – Ed. Piciola/Sugarmusic/Proprietà dell’Autore – Roma – Milano

Ora ora ora ora
Mi parli come allora
Quando ancora non mi conoscevi
Pensavi le cose peggiori
Quella notte io e te
Sesso ibuprofene
Tredici ore in un letto
A festeggiare il mio santo
Il giorno dopo su un treno che mi portava a casa
Nessuno mi aveva detto “devi tornare a scuola”
Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco
Ora ora ora ora
Te la ricordi ancora
Quella notte io e te
Sesso ibuprofene
Avevo il cuore malato
Ma tu non lo vedevi
Mi tenevo le pezze gelide dietro al petto
Ci tenevo a mostrarmi come un drago nel letto
Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui ero fuori da poco
Mi sono perso nella notte, non mi hai mai abbracciato
E mi vergogno a dirlo di solito sputo fuoco
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco
Ho visto foto di te
Il tuo compagno, una bambina
Poi quella casa l’hai finita
Dovevi portarci me
Dovevi portarci me
Sesso ibuprofene
Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui ero fuori da poco
Mi sono perso nella notte, non mi hai mai abbracciato
E mi vergogno a dirlo di solito sputo fuoco
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.